Quaranta cantine e 105 vini sotto l’esame degli esperti

Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo
Polpenazze del Garda

Dal 24 al 27 mag­gio la 53° edi­zione con 105 vini a giudizio e 40 can­tine iscritte: come dire che per la fiera di Polpe­nazze si pre­a­nun­cia un altro record di pre­sen­ze e di vis­i­ta­tori, a ten­er viva la tradizione di quel­la che è la più popo­lare (se non la più famosa) delle sagre bres­ciane del lago. Ma la rasseg­na di Polpe­nazze vuol dire pri­ma di tut­to e qui ven­gono giu­di­cati i migliori bianchi, rossi e rossi supe­ri­ori doc del­l’an­na­ta da una com­mis­sione uffi­ciale che fa capo al Con­sorzio del Gar­da Clas­si­co e all’Ente Bres­ciano vini. Già si prospet­ta un’al­tra eccel­lente per­chè lo scor­so autun­no è sta­ta rac­col­ta uva di otti­ma qual­ità che darà vini davvero superla­tivi. Questo dovrebbe valere sia per il Rosso Clas­si­co e per il (insieme arrivano qua­si al 60 per cen­to del­la pro­duzione) che per il Rosso Supe­ri­ore (cir­ca i l 9 per cen­to ma con una costante cresci­ta e sem­pre mag­giori con­sen­si). Stes­so dis­cor­so per il Grop­pel­lo Ris­er­va (due anni di invec­chi­a­men­to), men­tre mantiene le sue quote un altro tipi­co vino garde­sano come il . In fiera sarà pos­si­bile trovare e gustare tutte le tipolo­gie del Gar­da Clas­si­co (non mancherà la selezione inter­na con giuria per Grop­pel­lo e Chiaret­to) uni­ta­mente ad un for­ni­to stand per l’o­lio extravergine «Gar­da Bres­ciano Dop» gesti­to dal­l’Aipol. Sono 29 le aziende pre­sen­ti con rel­a­tivi stand, men­tre altre 11 parte­ci­pano come etichet­ta. Una vet­ri­na per i vini del­la spon­da bres­ciana del Gar­da cui nes­suno vuole man­care e che richi­amerà migli­a­ia di vis­i­ta­tori con qualche prob­le­ma alla .

Parole chiave: - -