Quarta prova di campionato Dal lago di Garda si va a Sebino per un’altra serata di emozioni.

Quattro batterie in notturna per la remata alla veneta

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Alvaro Joppi

Dal a quel­lo del Sebi­no con la carovana delle bisse per la quar­ta pro­va del cam­pi­ona­to remiero delle imbar­cazioni dal­la rema­ta alla vene­ta. L’appuntamento è per ques­ta sera (saba­to) in not­tur­na a Iseo, paese-por­to al cen­tro di opu­len­ti traf­fi­ci com­mer­ciali fino al 1900, sul­la spon­da merid­ionale dell’omonimo lago, per la man­i­fes­tazione pos­ta in cantiere del grup­po sporti­vo «La Clu­san­i­na» con il patrocinio del Comune. Si trat­ta dell’unica delle dieci regate in cal­en­dario vali­do per l’assegnazione del­la che si dis­pu­ta al di fuori delle acque bena­cen­si e che si ripete ogni anno, quante sono le edi­zioni mod­erne del palio remiero, in alter­na­ti­va con Clu­sone altro paese iseano. Barche in acqua a com­in­cia­re dalle 21,30 ma con l’attenzione mag­giore pun­ta­ta sull’ultima delle quat­tro sfide del­la ser­a­ta con ai nas­tri di parten­za le tre imbar­cazioni big verone­si al ver­tice del­la clas­si­fi­ca provvi­so­ria: Ichtya di Peschiera e Gar­da con entrambe pun­ti 89 e 86 e come quar­to inco­mo­do la Portesina di S. Felice del Bena­co. Sapran­no i voga­tori di Peschiera (Pao­lo Tac­coni, Mas­si­mo Rai­mon­di, Osval­do e Ste­fano Maz­zure­ga) ripetere il suc­ces­so con­se­gui­to saba­to scor­so a Gargnano? Oppure assis­ter­e­mo al ritorno dei mag­nifi­ci quat­tro di Gar­da (Mat­teo Pinci­ni, Michele Berton­cel­li, Fer­di­nan­do Sala e Alber­to Malfer) che si era­no imposti nel­la gara svoltasi quindi­ci giorni or sono nelle acque di casa? E Bar­dolino cosa farà? Tra le due con­tenden­ti potreb­bero intromet­ter­si a ragion vedu­ta i voga­tori dai col­ori gial­loblù che cov­ano da tem­po inten­zioni di riv­inci­ta. Il quar­tet­to com­pos­to da Bruno Maf­fez­zoli, Sil­vano Dall’Agnola, Mau­ro Faraoni e Francesco Maf­fez­zoli, han­no in questo peri­o­do inten­si­fi­ca­to gli allena­men­ti e guardano alla trasfer­ta iseana come sce­na ide­ale per cer­care di ripro­por­si alla mas­si­ma atten­zione. Ce la faran­no? Di cer­to ci sono le pre­messe per una pro­va ad alto liv­el­lo. Proce­den­do per ordine la man­i­fes­tazione di ques­ta sera, con in cam­po nel­la sfi­la­ta a ter­ra la ban­da e le majorettes di Carip­lo, vede in pri­ma bat­te­ria tra imbar­cazioni veronese: Bet­ty e Tor­ri­cel­la di Cas­sone di Mal­ce­sine, Laci­si­um e Bena­cense la bar­ca di Toscolano-Mader­no. Nel­la sec­on­da manche altre tre bisse scaligere: Bir­ba di Lazise, Preon­da di Bar­dolino e Ade­laide di Gar­da e bat­te­ria com­ple­ta­ta con la Sebi­na che corre sulle acque di casa. Una sfi­da a quat­tro tra barche lom­barde nel­la terza rega­ta: Clu­san­i­na la bis­sa iseana con alle spalle ben quat­tro bandiere del lago, (dal 1984 all’86 e 1997), Vil­lanel­la di Gargnano, Sirenet­ta di Gar­done e Serenis­si­ma di Salò. Il tor­neo remiero per la bandiera del lago è pro­mosso dal­la Lega Bisse del Gar­da con il patrocinio del­la e l’Assessorato allo Sport del­la e del­la Provin­cia di Brescia.

Parole chiave: