Palazzo Moneta, a Bionde di Belfiore, fu costruito dal mercante di grano Cosimo Moneta nel Cinquecento.

Qui è nato il mito di Romeo e Giulietta

18/07/2000 in Curiosità
A Affi
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Palaz­zo Mon­e­ta, a Bionde di Belfiore, fu costru­ito dal mer­cante di gra­no Cosi­mo Mon­e­ta nel Cinque­cen­to. Il ric­co com­mer­ciante fece dec­o­rare la vil­la dai migliori artisti pri­ma di finire in ban­car­ot­ta ed essere costret­to a vendere la pro­pri­età ai con­ti Serego. Al servizio dei nuovi nobili res­i­den­ti anche Tul­lio India avrebbe dec­o­ra­to alcune stanze: il suo nome si aggiunge tra i dec­o­ra­tori del palaz­zo a quel­li del­lo stuc­ca­tore Bar­tolomeo Ridolfi e dell’affrescatore Pao­lo Far­i­nati. Quest’ultimo dip­inse nel palaz­zo, nel­la sug­ges­ti­va sala degli amori, la pri­ma raf­fig­u­razione conosci­u­ta del­la morte di Giuli­et­ta e Romeo, pochi anni pri­ma che William Shake­speare venisse a co- noscen­za del rac­con­to e lo ren­des- se immor­tale con la sua trage­dia: la pri­ma «casa di Giuli­et­ta», quin­di, è ques­ta di Belfiore.

z.m.
Parole chiave:

Commenti

commenti