L’ente bilaterale organizza lezioni e seminari gratuiti. Corsi di cucina celiaca, bar, lingue e internet

Qui si impara il turismo

16/01/2007 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
(b.b.)

Stan­no par­tendo i cor­si di for­mazione gra­tu­iti orga­niz­za­ti dall’Ente bilat­erale tur­is­mo (Ebt) garde­sano e riv­olti a tito­lari, col­lab­o­ra­tori e dipen­den­ti di alberghi, campeg­gi e agen­zie viag­gi del Gar­da Bal­do che parte­ci­pano al sis­tema dell’Ebt (www.ebtgardesano.it).Sono aperte le iscrizioni ai cor­si di inglese, tedesco, inter­net e pos­ta elet­tron­i­ca e ai sem­i­nari mirati ad appro­fondire temi speci­fi­ci, cioè: orga­niz­zazione e tec­niche per i servizi ai piani; idee fres­che per il bar; cuci­na celi­a­ca e ali­men­tazione sen­za glu­tine”, argo­men­to quest’ultimo di forte attual­ità vis­to il dila­gare di quest’intolleranza ali­menta­re, a cui però il cuo­co esper­to sa oggi trovare rime­di eccel­len­ti. Le iscrizioni si chi­udono mart­edì 30 gen­naio. Per infor­mazioni e ade­sioni gli inter­es­sati pos­sono riv­ol­ger­si alla seg­rete­ria dell’Ebt, tele­fono: 045.627.0511.«L’arricchimento cul­tur­ale è un bene indis­pens­abile e l’Ebt cer­ca di rispon­dere conc­re­ta­mente alle esi­gen­ze delle aziende tur­is­tiche, pre­dispo­nen­do un piano for­ma­ti­vo volto a miglio­rare e aggiornare le com­pe­ten­ze degli addet­ti all’ospitalità e alla ris­torazione. Tut­ti i dipen­den­ti pos­sono approf­ittare di quest’occasione», pre­cisa il coor­di­na­tore del­e­ga­to Ebt Gio­van­ni Altomare, diret­tore Ugav, «for­mare è infat­ti un obi­et­ti­vo pri­mario che l’Ebt persegue da quan­do nel 1998 si è cos­ti­tu­ito su inizia­ti­va di Ugav (Unione garde­sana alber­ga­tori verone­si), Assog­a­r­da­camp­ing, Fiavet Gar­da e sin­da­cati Fil­cams Cgil, Fisas­cat Cisl e Uil­tucs Uil».A feb­braio partono in sede Ebt (piaz­za­le Malfer, 15) i cor­si ser­ali di lingue tedesco e inglese (30 ore cias­cuno), che per­me­t­ter­an­no ai cor­sisti di acquisire le conoscen­ze ter­mi­no­logiche di base nec­es­sarie a miglio­rare l’accoglienza del cliente, gra­zie a una mag­giore com­pren­sione del­la lin­gua: «Sono cor­si tarati sulle esi­gen­ze locali», spie­ga Altomare, «non siamo nuovi ai cor­si di lin­gua, l’anno scor­so per esem­pio, su richi­es­ta delle aziende, siamo sta­ti gli uni­ci nel Bal­do Gar­da a orga­niz­zare un cor­so di olan­dese con docente madre lin­gua. Da noi i tur­isti olan­desi sono numerosi, è qual­i­f­i­cante per il ter­ri­to­rio e per l’azienda avere oper­a­tori in gra­do di comu­ni­care con la loro lin­gua». Sem­pre in feb­braio parte Inter­net e pos­ta elet­tron­i­ca (18 ore), che si ter­rà al lab­o­ra­to­rio di infor­mat­i­ca dell’Istituto alberghiero Car­naci­na di Bar­dolino. «È riv­olto a chi ha già uti­liz­zano il com­put­er e intende appro­fondire gli aspet­ti di e comu­ni­cazione via Inter­net», pre­cisa Altomare. Per mar­zo è pre­dis­pos­to nel­la sede dell’Ebt il cor­so per oper­a­tore agen­zie viag­gi, 18 ore durante le quali saran­no introdot­ti i prin­ci­pali stru­men­ti infor­mati­ci di lavoro, si faran­no conoscere le risorse tur­is­tiche locali e gli ele­men­ti essen­ziali per preparare un pac­chet­to turistico.Per mar­zo e aprile sono pre­visti tre sem­i­nari di una gior­na­ta cias­cuno. Il pri­mo è orga­niz­zazione e tec­niche per i servizi ai piani, che si ter­rà in una strut­tura alberghiera locale e al Car­naci­na. Spie­ga Altomare: «Pun­ta a fornire com­pe­ten­ze tec­niche e com­por­ta­men­tali adeguate alle gov­er­nan­ti e agli addet­ti ai piani negli alberghi, una man­sione del­i­ca­ta che impli­ca, oltre a saper pulire, anche relazionar­si in modo gen­tile e pro­fes­sion­ale con i cli­en­ti». Il sec­on­do sem­i­nario è idee fres­che per il bar; si tiene all’Istituto Car­nic­i­na ed è sulle tec­niche di pre­sen­tazione di drink, cock­tail e bevande varie, gelati e sor­bet­ti alcol­i­ci, gran­ite, spon­gati, cre­mo­late e gramo­late. Infine, pure al Car­nic­i­na, ecco il sem­i­nario su cuci­na celi­a­ca e l’alimentazione sen­za glu­tine, in cui si par­lerà con i cuochi di intoller­an­za al glu­tine e si pre­par­eran­no pietanze per celiaci.

Parole chiave: