Quinto incontro sulla raccolta differenziata a Lonato del Garda

30/04/2013 in Convegni
Di Redazione

L’Assessorato all’Ecologia accoglie le richi­este di tan­ti cit­ta­di­ni inter­es­sati e pro­pone un quin­to incon­tro sul­la  por­ta a por­ta, atti­va dal 6 mag­gio

Addio ai cassonetti

Tante le domande e curiosità rac­colte durante i quat­tro incon­tri già avvenu­ti nelle frazioni e nel cen­tro di Lona­to del Gar­da, su pro­pos­ta dell’Asses­so­ra­to all’Ecologia del Comune lonatese che, in col­lab­o­razione con la soci­età munic­i­pal­iz­za­ta Gar­da Uno di Padenghe, han­no incon­tra­to nel mese di aprile i res­i­den­ti lonate­si per spie­gare la modal­ità di rac­col­ta rifiu­ti por­ta a por­ta. Il nuo­vo servizio, dal 6 mag­gio prossi­mo, inter­esserà le zone del­la cit­tà a sud dell’autostrada A4, quin­di le frazioni di Cen­te­naro e Castel­ven­za­go, Esen­ta, Mal­oc­co, San Toma­so, San Polo, Cominel­lo, Bro­de­na e Cam­pagna di Lona­to.

Vista la numerosa parte­ci­pazione da parte dei res­i­den­ti lonate­si a tutte le ser­ate orga­niz­zate nelle varie local­ità, il Comune ha ritenu­to oppor­tuno orga­niz­zare un altro incon­tro infor­ma­ti­vo, che si ter­rà il prossi­mo mart­edì 30 aprile alle 20.30 nel Teatro Italia, pres­so l’oratorio di Lona­to, in via Antiche mura 2.

«Con­tin­uer­e­mo così a pre­sentare il nuo­vo servizio di rac­col­ta por­ta a por­ta – affer­ma l’assessore all’Ecologia –, che non ha nul­la di com­pli­ca­to ma va solo capi­to e accolto come un nuo­vo modo di smistare i pro­pri rifiu­ti, ridurre gli sprechi e con­sen­tire una per­centuale più alta di dif­feren­zi­a­ta e di rici­clo dei vari mate­ri­ali. Come Ammin­is­trazione, spe­ri­amo con questo ulte­ri­ore incon­tro del 30 aprile di rius­cire a rag­giun­gere e a infor­mare tut­ti i cit­ta­di­ni».

Pre­cisazione impor­tante, aggiunge Bianchi: «La nuo­va Tares, la tas­sa introdot­ta dal Gov­er­no Mon­ti e pro­ro­ga­ta a dicem­bre, com­pren­dente più servizi tra cui anche quel­lo per i rifiu­ti, com­porterà degli aumen­ti che non han­no nul­la a che vedere con il pas­sag­gio al por­ta a por­ta».

Assessore Nicola BianchLe quat­tro ser­ate già fat­te sul por­ta a por­ta han­no riscon­tra­to tutte un’ampia parte­ci­pazione, tan­to che spes­so le sedi si sono riv­e­late trop­po pic­cole per accogliere l’intero pub­bli­co. «I quat­tro incon­tri infor­ma­tivi sono sta­ti molto inter­at­tivi e han­no gen­er­a­to numerosi que­si­ti e dub­bi da parte degli uten­ti sul nuo­vo sis­tema di rac­col­ta por­ta a por­ta, quin­di vor­rem­mo, sem­pre con l’aiuto dei tec­ni­ci di Gar­da Uno che si sono resi disponi­bili gra­tuita­mente, offrire uno spazio più ampio ai cit­ta­di­ni per far conoscere meglio e apprez­zare i van­tag­gi del­la nuo­va modal­ità di rac­col­ta rifiu­ti, che par­tirà nel nos­tro comune, a sud dell’autostrada, da lunedì 6 mag­gio». Con­sid­er­a­to, con­clude l’assessore Bianchi, «che il risul­ta­to pre­vis­to dal leg­is­la­tore del 65% di rac­col­ta dif­feren­zi­a­ta non è rag­giun­gi­bile con la tradizione modal­ità dei cas­sonet­ti stradali, dob­bi­amo puntare sul por­ta a por­ta per incen­ti­vare una più atten­ta ges­tione e sep­a­razione dei rifiu­ti, al fine di aumentare le pos­si­bil­ità di rici­clag­gio dei mate­ri­ali a van­tag­gio dell’ambiente e di un mag­giore risparmio eco­nom­i­co. Con l’obiettivo finale di accrescere la per­centuale di dif­feren­zi­a­ta del nos­tro comune, attual­mente al 42%».