Raccontare il jazz ai ragazzi

13/08/2016 in Attualità
Parole chiave:
Di Redazione

Debut­ta saba­to 13 agos­to alla gior­na­ta di chiusura del Gar­da Jazz Fes­ti­val la nuo­va copro­duzione di Fon­dazione e Scuo­la Musi­cale Alto Gar­da «Una sto­ria a tem­po di jazz», trat­ta dal libro di Vir­ginia Hamil­ton «The peo­ple could fly» per il prog­et­to «Jazz & chil­dren», con l’o­bi­et­ti­vo di rac­con­tare il jazz ai bam­bi­ni in modo nuo­vo, nat­u­rale e diver­tente, come si rac­con­ta una favola o si legge una filas­troc­ca. Lo spet­ta­co­lo si svolge nel­la Roc­ca di Riva del Gar­da con inizio alle ore 18. Ingres­so: 5 euro, ridot­to 4 euro (da 13 a 25 anni d’età, over 65 e stu­den­ti), gra­tu­ito fino ai 13 anni d’età e per per­sone con dis­abil­ità (ridot­to per l’accompagnatore).

Gra­zie alla voce recitante di Pino Costalun­ga, autore anche del testo e del­la regia nonché diret­tore artis­ti­co di Fon­dazione Aida, e alle musiche dal vivo arran­giate dai musicisti di SMAG, Rudy Speri (ban­jo e chi­tar­ra), Ste­fano Mena­to (clar­inet­to e sax) e Gior­dano Grossi (con­tra­b­bas­so), si pre­sen­ta al gio­vane pub­bli­co il jazz e tut­ta la sua sto­ria, fat­ta soprat­tut­to di suoni e di rit­mi. E per rac­con­tare ques­ta sto­ria e per spie­gare com’è fat­to il jazz, si usa la paro­la e la musi­ca. Nel­lo spet­ta­co­lo sono nar­rate alcune fav­ole che gli schi­avi neri d’America si rac­con­ta­vano per esor­ciz­zare pau­re e pre­oc­cu­pazioni, unite ad alcune fig­ure tipiche del jazz: improvvisazione, shorts e stan­dard.

Un dial­o­go con­tin­uo tra attore, che qualche vol­ta si improvvisa stru­men­to e can­tante, e stru­men­ti musi­cali, che spes­so si improvvis­er­an­no attori. Ecco che la paro­la diven­ta spes­so voce e suono, e il suono del­lo stru­men­to musi­cale spes­so paro­la.

I bam­bi­ni del pub­bli­co, e gli adul­ti con loro, sono atti­va­mente coin­volti in questo gio­co sceni­co e provano pure loro a mostrare via via cosa han­no capi­to e cosa no, diven­tan­do parte di questo grande con­cer­to per attore e stru­men­ti musi­cali.

Parole chiave: