Gli alunni ospiti al rifugio «Campei de Sima» di Toscolano Maderno, con giochi interattivi e canti della montagna

ragazzi della quinta elementare per due giorni con le penne nere

28/05/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

La classe 5ª del­la scuo­la ele­mentare di Soiano del Lago, con in tes­ta due , tra cui il sin­da­co Rober­to Rossato, e l’insegnante Simon­et­ta Avi­go, Daniela Arrig­ot­ti, Raf­fael­la Zuliani, han­no sog­gior­na­to due giorni al rifu­gio alpino “Campei de Sima”, di Monte Zengla sopra Toscolano Mader­no a quo­ta 1.017 metri. Per i ragazzi e gli accom­pa­g­na­tori sono sta­ti due giorni indi­men­ti­ca­bili, fuori dal traf­fi­co rumor­oso delle nos­tre strade, immer­si tra il verde ed il silen­zio che solo le mon­tagne pos­sono offrire. Ques­ta oppor­tu­nità di trascor­rere due giorni di escur­sioni nat­u­ral­is­tiche, è sta­ta offer­ta alla scuo­la dal­la sezione Alpi­ni “Mon­te­suel­lo” di Salò, che gestisce il rifu­gio. Poi, gra­zie a Gian­car­lo Peliz­zari, mae­stro alpino e agli ami­ci delle penne nere che han­no ani­ma­to la gior­na­ta e la ser­a­ta con giochi inter­at­tivi, can­ti di mon­tagna e danze. Poi, un’escursione di un paio d’ore e la proiezione di dia­pos­i­tive per conoscere da vici­no la flo­ra e la fau­na che cir­con­da questo verdeg­giante oasi di pace. «È sta­ta un’esperienza social­iz­zante e piena di fas­ci­no — han­no det­to in coro i parte­ci­pan­ti all’iniziativa -, da ripetere quan­to pri­ma, gra­zie soprat­tut­to all’accoglienza ed al calore degli alpi­ni del­la sezione “Mon­te­suel­lo” di Salò che han­no saputo donarci».

Parole chiave: