In marzo il viaggio nei luoghi della memoria, poi una mostra e una pubblicazione. Due laboratori degli studenti diventano materiale per altrettante iniziative

Ragazzi in campo per il 25 Aprile

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

I gio­vani in pri­ma fila per ricor­dare la Fes­ta del­la Lib­er­azione. La “cap­i­tale” del Gar­da si prepara ad accogliere un 25 aprile den­so di appun­ta­men­ti e di com­mem­o­razioni. L’am­min­is­trazione comu­nale e l’as­so­ci­azione nazionale ex inter­nati han­no infat­ti pro­mosso una mostra allesti­ta dagli stu­den­ti delle scuole supe­ri­ori cit­ta­dine ed una man­i­fes­tazione che cul­min­erà domeni­ca 25 con cortei e riti reli­giosi. Ma andi­amo con ordine. Dopodomani, saba­to, alle 11.30 nel Chiostro di San­ta Maria dé Senioribus, ver­rà inau­gu­ra­ta la mostra «Lo sta­to total­i­tario e la dis­truzione del­l’avver­sario» (fino al 9 mag­gio, dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19, saba­to dalle 9.30 alle 12.30, chiu­so il lunedì). E’ for­ma­ta da una quar­an­ti­na di pan­nel­li e da diciot­to riquadri real­iz­za­ti dagli stu­den­ti degli ulti­mi anni delle scuole supe­ri­ori di Desen­zano, che han­no fis­sato le espe­rien­ze del “Viag­gio del­la memo­ria” com­pi­u­to nel mar­zo scor­so sui luoghi dei campi di con­cen­tra­men­to naz­i­fascisti. Inoltre, la mostra è sta­ta real­iz­za­ta nel­l’àm­bito dei lab­o­ra­tori di sto­ria «Desen­zano 1915/1945: guer­ra e din­torni» pro­mossi dai Servizi all’Istruzione in quest’an­no sco­las­ti­co con­giun­ta­mente alla Fed­er­azione Bres­ciana del­l’Anei, l’as­so­ci­azione ex inter­nati. Il coor­di­na­men­to è sta­to invece cura­to da Maria Piras, del Cen­tro Stu­di e Ricerche Storiche del­la stes­sa Anei. Il per­cor­so del­la mostra è frut­to di alcu­ni lavori pazien­te­mente prodot­ti dai ragazzi gui­dati dai rispet­tivi docen­ti. Un prog­et­to arti­co­la­to in due lab­o­ra­tori che ha vis­to la pre­sen­za con­tin­u­a­ti­va di 44 stu­den­ti degli isti­tu­ti “Bazoli”, “Mar­co Polo”, “Cate­ri­na dé Medici”, “Bagat­ta” con l’ap­pog­gio dei pro­fes­sori Maria Grazia Romizi, Mar­i­an­gela Rab­bi, Rino Bernasconi e Pier Guainazzi. Un pri­mo tro­va spazio nel­la mostra Desen­zanese, i lavori del sec­on­do lab­o­ra­to­rio (fre­quen­ta­to da 21 stu­den­ti del “Bagat­ta”), invece, per la com­p­lessità e vari­età degli argo­men­ti affrontati saran­no inser­i­ti in una pub­bli­cazione che ver­rà pre­sen­ta­ta in occa­sione del­la prossi­ma fes­ta del 4 Novem­bre. Un accen­no infine alle com­mem­o­razioni. Domeni­ca 25 aprile alle 10 la Mes­sa nel Duo­mo cit­tadi­no, alle 10.45 pre­ce­du­to dal­la ban­da cit­tad­i­na, cor­teo da piaz­za Malvezzi e posa di coro­ne ai mon­u­men­ti ai cadu­ti. Alle 11.30 dis­cor­si uffi­ciali al mon­u­men­to dei cadu­ti in via Roma con inter­ven­to del­l’uf­fi­ciale degli in con­ge­do, Gae­tano Agnini.

Parole chiave: