Rallysti della matematica a caccia d’una soluzione

20/05/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

In orig­ine era­no 40 clas­si fra Trenti­no e Desen­zano: la rap­p­re­sen­tan­za ital­iana d’un eserci­to di 20.000 ragazzi, fra la III ele­mentare e la III media, di varie nazioni ‑quelle intorno alle Alpi, Fran­cia e Svizzera, ma anche Israele ed Aus­tralia- impeg­nati a con­frontar­si in matem­at­i­ca. Ma non un sem­plice fare di con­to: ai ragazzi ven­gono pro­posti sei, sette prob­le­mi, impo­sta­ti con la col­lab­o­razione dei dipar­ti­men­ti di matem­at­i­ca delle di Par­ma e di Neucha­tel, e nel giro di 50 minu­ti, la classe ‑non il sin­go­lo, tut­ti insieme- è chia­ma­ta a pen­sare, inventare, dis­cutere, con­frontare alla ricer­ca di una o più soluzioni. Le 12 clas­si che han­no gareg­gia­to l’al­tro pomerig­gio alle Sighele, sono la scre­matu­ra delle 40 iniziali. I lavori migliori ver­ran­no selezionati a Par­ma ed i loro autori invi­tati a parte­ci­pare ad un con­fron­to su scala ancor più vas­ta, di dimen­sione euro­pea (gra­zie ad inter­net, nat­u­ral­mente, che offre questo vir­tuale tavo­lo comune a per­sone dis­tan­ti migli­a­ia di chilometri). L’inizia­ti­va, su base locale, è por­ta­ta avan­ti dal pro­fes­sor Rober­to Bat­tisti, respon­s­abile di uno dei cen­tri ter­ri­to­ri­ali di matem­at­i­ca segui­ti dal­l’Iprase. Col­lab­o­ra­no una trenti­na di inseg­nan­ti del­la mate­ria: l’al­tro pomerig­gio era­no 17 quel­li impeg­nati alla revi­sione imme­di­a­ta degli elab­o­rati pro­posti. Non c’è un vinci­tore nè una rigi­da clas­si­fi­ca: l’im­por­tante è davvero partecipare.

Parole chiave: