Dopo la positiva ed apprezzata edizione dello scorso anno torna a Toscolano Maderno la seconda edizione della Rassegna enogastronomica del pesce di lago “Garda con Gusto”. Sette i ristoranti che dal 30 aprile al 9 maggio proporranno i loro menu a base di prodotti del territorio abbinati al pesce gardesano.

Rassegna enogastronomica “Garda con Gusto

Di Luca Delpozzo

L’amore dell’uomo per la ter­ra è il gen­er­a­tore che trasfor­ma con arte la gen­uinità dei prodot­ti in eccel­len­ti creazioni gas­tro­nomiche. La pre­sen­za del­la fil­iera agri­t­ur­is­ti­ca garde­sana – ha affer­ma­to , asses­sore al tur­is­mo del comune di Toscolano Mader­no – incon­tra sem­pre più un pub­bli­co inter­es­sato alla ricer­ca dei gusti e dei sapori di un tem­po. La sec­on­da Rasseg­na enogas­tro­nom­i­ca del pesce di lago “Gar­da con Gus­to”, vuole essere lab­o­ra­to­rio per un tur­is­mo moti­va­to, che inte­gri le risorse tur­is­tiche esisten­ti con aspet­ti e carat­teri del­la tradizione e del­la cul­tura locale e a far­si por­tav­oce del­la sal­va­guardia delle specie ittiche indi­gene del nos­tro Lago e del nos­tro Fiume. Il “tur­is­mo di mas­sa”, carat­ter­iz­za­to dal­la stan­dard­iz­zazione, dal­la con­cen­trazione e dai gran­di numeri, in con­sid­er­azione dei mutati stili di vita, sta rap­i­da­mente ceden­do il pas­so ad un tur­is­mo atten­to e moti­va­to, sem­pre più alla ricer­ca delle eccel­len­ze del ter­ri­to­rio, per­tan­to come ter­ri­to­rio Eco­muse­ale abbi­amo l’obbligo morale di tute­lare le nos­tre bio­di­ver­sità, con gli usi, le arti man­u­ali e i mestieri che ven­gono trop­po spes­so dimen­ti­cati. Ques­ta inizia­ti­va vuole inoltre favorire l’incontro tra il mon­do del­la ris­torazione e quel­lo del­la for­mazione attra­ver­so la pre­sen­za degli alun­ni dell’Istituto Alberghiero di Gar­done Riv­iera che avran­no modo di oper­are a fian­co dei pro­fes­sion­isti del gourmet nei giorni del­la rasseg­na. Per dieci giorni, gli aman­ti del­la buona cuci­na di pesce di lago e del buon , avran­no modo di degustare su preno­tazione un menù pro­mozionale poten­do scegliere tra le var­ie­gate pro­poste enogas­tro­nomiche che ogni ris­torante ader­ente garan­tirà per tut­ta la dura­ta del­la man­i­fes­tazione. La rasseg­na – con­clude l’assessore – vede tri­on­fare i del­la tradizione locale, quali: pesce del Gar­da, cap­peri, olio di fran­toio, polen­ta garde­sana, for­mag­gi del Gar­da, vini Lugana e , acqua Tavina, il tipi­co dolce Tor­ta Mader­no, limoni e cedri del Gar­da, che i tur­isti potran­no incon­trare in ogni locale ader­ente”.