Razzi: “Le strutture premiate alfieri del cicloturismo sul territorio bresciano”

Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

 “L’at­tribuzione del mar­chio Bike Hos­pi­tal­i­ty in provin­cia di Bres­cia è il seg­no tan­gi­bile del­lo sfor­zo che le nos­tre strut­ture e tut­to il com­par­to stan­no facen­do nel­la direzione di un ampli­a­men­to del­l’of­fer­ta all’in­seg­na del­la desta­gion­al­iz­zazione e del­l’adegua­men­to dei servizi alle nuove ten­den­ze del tur­is­mo, dove le due ruote stan­no pro­gres­si­va­mente guadag­nan­do posizioni impor­tan­ti. E la Provin­cia di Bres­cia è orgogliosa di sostenere ques­ta cresci­ta!”

Così l’Asses­sore al Tur­is­mo e Cul­tura del­la Provin­cia di Bres­cia nel cor­so del­la cer­i­mo­nia di asseg­nazione del­lo spe­ciale mar­chio Bike Hos­pi­tal­i­ty in Provin­cia di Bres­cia, col­le­ga­to all’omon­i­mo prog­et­to, pro­mosso dal­l’Asses­so­ra­to provin­ciale in via sper­i­men­tale nelle aree Gar­da e Iseo, e volto a garan­tire il pos­ses­so di speci­fi­ci stan­dard da parte delle strut­ture tur­is­tiche ader­en­ti al prog­et­to stes­so.

Nel­lo speci­fi­co, sono quat­tro le strut­ture che per prime sul ter­ri­to­rio bres­ciano han­no ottenu­to l’ufficiale cer­ti­fi­cazione di bike friend­ly da parte del­la Provin­cia di Bres­cia: si trat­ta dell’Albergo La Paül di Sirmione e degli Alberghi Berta, Desen­zano e Pic­co­la Vela di Desen­zano del Gar­da. La cer­i­mo­nia di asseg­nazione, pre­si è avvenu­ta oggi a Desen­zano del Gar­da.

Il mar­chio – ha spie­ga­to l’Asses­sore Razzi – sta ad indi­care che queste strut­ture sono in gra­do di fornire agli appas­sion­ati e pro­fes­sion­isti delle due ruote, ma anche alle famiglie, che sem­pre più numerose scel­go­no una vacan­za all’insegna del­la natu­ra e del­la bici­clet­ta, servizi, assis­ten­za e com­fort adeguati al tar­get e, soprat­tut­to, di alto liv­el­lo”.

In par­ti­co­lare, sono pre­viste tre dec­li­nazioni del mar­chio, che viene asseg­na­to dal­la Provin­cia di Bres­cia solo dopo un’apposita ver­i­fi­ca tec­ni­ca dell’effettivo pos­ses­so delle carat­ter­is­tiche richi­este: clas­sic (stel­la di bron­zo), pre­mi­um (stel­la d’argento) e top (stel­la d’oro). In par­ti­co­lare, per il rilas­cio del­la cer­ti­fi­cazione base (cat­e­go­ria clas­sic) sono pre­visti degli stan­dard min­i­mi obbli­ga­tori come la pre­sen­za di un locale attrez­za­to adibito a depos­i­to e offic­i­na, l’esistenza di un’area equipag­gia­ta con spaz­zole, deter­gen­ti e pompe per il lavag­gio delle bici­clette, la disponi­bil­ità gra­tui­ta in strut­tura di almeno 4 city bike da ciclo­tur­is­mo, l’organizzazione di almeno 2 tour a set­ti­mana gui­dati da esper­ti qual­i­fi­cati, la pos­si­bil­ità di noleg­gio di city bike con caschet­to o la pre­sen­za di un info point online e in strut­tura. La cer­ti­fi­cazione pre­mi­um e top viene invece asseg­na­ta solo a quan­ti, oltre agli stan­dard min­i­mi pre­visti per il liv­el­lo clas­sic, siano in pos­ses­so di req­ui­si­ti extra, che van­no dal­la videosorveg­lian­za nel locale di cus­to­dia delle bici all’offerta di menu ad hoc per gli sportivi, dal­la pre­sen­za di una palestra all’interno del­la strut­tura alla mes­sa a dis­po­sizione di un fisioter­apista o di un medico in caso di infor­tu­ni.

L’obiettivo del mar­chio e del­l’in­tero prog­et­to Bike Hos­pi­tal­i­ty in Provin­cia di Bres­cia – ha con­clu­so l’Asses­sore Razzi — è quel­lo di con­tribuire allo svilup­po dell’intero com­par­to incen­ti­van­do la cresci­ta delle strut­ture e offren­do con­tes­tual­mente uno stru­men­to a tutela del ciclo­tur­ista”.

 

Parole chiave: