Regione Lombardia: “Semplifichiamo! Aiutiamo la ripresa”

09/07/2020 in Attualità
Parole chiave:
Di Redazione

è l’unica regione ital­iana che si è dota­ta di un Piano Strate­gi­co sul­la sem­pli­fi­cazione e trasfor­mazione dig­i­tale annuale: attra­ver­so un per­cor­so con­di­vi­so con cit­ta­di­ni e stake­hold­er sono state rac­colte 80 pro­poste di azioni, real­iz­zate ad oggi per oltre l’80%.
Con questo prog­et­to di legge, si vuole però andare oltre: sciogliere il groviglio di leg­gi e regole che spes­so ren­dono incom­pren­si­bili le norme, facil­itare l’azione delle per­sone dan­do loro fidu­cia, ridurre quei tem­pi ammin­is­tra­tivi che spes­so diven­tano un onere per cit­ta­di­ni e imp­rese, anche attra­ver­so la con­di­vi­sione dei dati già in pos­ses­so delle pub­bliche ammin­is­trazioni.
In una paro­la: sem­pli­fi­care, elim­inare gli adem­pi­men­ti buro­crati­ci inutili che sono solo un cos­to in ter­mi­ni di tem­pi e di risorse per le aziende e per i cit­ta­di­ni.

In questo modo – ha spie­ga­to il pres­i­dente Fontana – aiuter­e­mo le imp­rese a ripar­tire, guardan­do al futuro con ottimis­mo e sper­an­za dopo il duris­si­mo peri­o­do dei mesi scor­si dovu­to al Covid-19. Alla base del­la nos­tra inizia­ti­va c’è soprat­tut­to la sem­pli­fi­cazione ammin­is­tra­ti­va e la riduzione degli oneri a cari­co di chi deve com­piere deter­mi­nate pro­ce­dure. Da trop­po tem­po si par­la di sem­pli­fi­care, sburo­c­ra­tiz­zare. La nos­tra Giun­ta ha già fat­to pas­si avan­ti fon­da­men­tali e questo è un ulte­ri­ore pro­gres­so. Con questo impianto nor­ma­ti­vo, ren­der­e­mo più snel­la, veloce ed effi­cace la nos­tra buro­crazia con­sen­ten­do di attrarre più inves­ti­men­ti anche a liv­el­lo inter­nazionale”.

La rifor­ma odier­na – ha aggiun­to l’assessore Capari­ni – va in con­ti­nu­ità con le mis­ure di sem­pli­fi­cazione già messe in cam­po e pun­ta sul­la dig­i­tal­iz­zazione dei servizi per miglio­rare l’attrattività del­la Lom­bar­dia e assi­cu­rare impor­tan­ti ben­efi­ci soprat­tut­to alle aziende. Ren­der­e­mo più facile fare impre­sa e aiuter­e­mo mil­ioni di per­sone a miglio­rare la qual­ità del­la loro vita. Pun­ti­amo a diventare un mod­el­lo inter­nazionale di com­pet­i­tiv­ità”.

Con il Piano strate­gi­co sul­la sem­pli­fi­cazione e trasfor­mazione dig­i­tale sono state real­iz­zate inno­vazioni dig­i­tali che ren­dono più sem­plice il rap­por­to tra cit­ta­di­ni ed imp­rese come:

  • il cas­set­to fis­cale, che all’in­ter­no dell’area per­son­ale trib­u­ti con­tiene tut­ti i dati e i ver­sa­men­ti del con­tribuente;
  • il por­tale dei paga­men­ti, in cui sono rag­grup­pate tutte le tipolo­gie di ver­sa­men­ti alla Regione e ad altri enti pub­bli­ci locali;
  • il por­tale dei ban­di, che rag­grup­pa tut­ti gli avvisi e i provved­i­men­ti pub­bli­cati da Regione Lom­bar­dia e che per­me­t­terà di avere noti­fiche per­son­al­iz­zate sulle inizia­tive che Regione pro­muove;
  • il Fas­ci­co­lo san­i­tario elet­tron­i­co, che con­tiene tutte le infor­mazioni san­i­tarie, le ricette, gli esa­mi e i refer­ti del sin­go­lo cit­tadi­no;
  • lo svilup­po delle Con­feren­ze dei Servizi dig­i­tali, che per­me­tte la ges­tione sem­pli­fi­ca­ta, asin­crona e telem­at­i­ca delle riu­nioni col­le­giali, garan­ten­do la certez­za dei ter­mi­ni e la riduzione dei tem­pi;
  • Pro­ced­i­men­ti online, la piattafor­ma che per­me­tte di risparmi­are tem­po nelle pro­ce­dure interne;
  • la sper­i­men­tazione del­la tec­nolo­gia blockchain, a par­tire dal­la misura nidi gratis.

Il prog­et­to di legge regionale approva­to dal­la Giun­ta Regionale il 30 giug­no 2020, che passerà alla dis­cus­sione in Con­siglio Regionale entro il mese di luglio, con­tiene numerose pro­poste nor­ma­tive che han­no come comune denom­i­na­tore la volon­tà di sem­pli­fi­care le pro­ce­dure ammin­is­tra­tive e di ridurre gli oneri a cari­co di cit­ta­di­ni ed imp­rese, non solo per le esi­gen­ze del­la fase post-emer­gen­za Covid-19, ma anche per una più strut­turale sburo­c­ra­tiz­zazione dei pro­ced­i­men­ti.

La pro­pos­ta approva­ta in Giun­ta, le cui delibere attua­tive sono pre­viste nel mese di set­tem­bre, al ter­mine dell’iter con­sil­iare, intro­duce sem­pli­fi­cazioni a favore di cit­ta­di­ni, imp­rese, enti locali, per accel­er­are pro­ces­si e deci­sioni su inves­ti­men­ti e opere infra­strut­turali.

La log­i­ca del prog­et­to è quel­la di garan­tire l’unicità delle deci­sioni da parte delle pub­bliche ammin­is­trazioni, la garanzia di tem­pi cer­ti per cit­ta­di­ni e imp­rese, la riduzione delle sovrap­po­sizioni di leg­gi e norme, la dig­i­tal­iz­zazione per accel­er­are e facil­itare l’iter ammin­is­tra­ti­vo, l’assunzione di respon­s­abil­ità da parte di cit­ta­di­ni e imp­rese, il ricor­so all’autocertificazione e lo svol­gi­men­to di con­trol­li ex post.

In par­ti­co­lare:

  • i pro­ced­i­men­ti ammin­is­tra­tivi di com­pe­ten­za regionale ven­gono sem­pli­fi­cati medi­ante il ricor­so alla con­feren­za di servizi deciso­ria, che opera con modal­ità sem­plifi­cate, asin­crone e telem­atiche e garan­tisce la certez­za dei ter­mi­ni, la riduzione dei tem­pi di almeno 1/3 e la certez­za del parere pos­i­ti­vo qualo­ra i ter­mi­ni siano trascor­si;
  • viene sem­pli­fi­ca­ta la con­feren­za di servizi per prog­et­ti infra­strut­turali e per opere e inter­ven­ti sogget­ti a val­u­tazione di impat­to ambi­en­tale di com­pe­ten­za non statale, men­tre per le pro­ce­dure statali ven­gono comunque dimez­za­ti i tem­pi;
  • un uni­co pro­ced­i­men­to autor­iz­za­to­rio regionale – il PAUR – ricom­prende tut­ti i pro­ced­i­men­ti riguardan­ti le diverse Direzioni gen­er­ali, evi­tan­do dupli­cazioni nel­la ges­tione delle richi­este;
  • per favorire la con­di­vi­sione dei dati, è pre­vis­to l’accesso telem­ati­co e sen­za oneri al reg­istro delle imp­rese per gli enti locali, razion­al­iz­zan­do e riducen­do gli oneri di trasparen­za legati alla con­ces­sione di sovven­zioni, sus­si­di pub­bli­ci e aiu­ti;
  • ven­gono sem­plifi­cate le norme anti­sis­miche, indi­vid­uan­do le real­iz­zazioni sen­za ril­e­van­za sis­mi­ca, definen­do le tipolo­gie edilizie, basan­dosi sul­l’as­sev­er­azione del pro­fes­sion­ista, adeguan­do e sem­pli­f­i­can­do la mod­ulis­ti­ca e preve­den­do con­trol­li ex post a cam­pi­one;
  • si favoriscono pro­ces­si di rigen­er­azione urbana attra­ver­so l’estensione dell’ambito di uti­liz­zo del­la SCIA alter­na­ti­va al per­me­s­so a costru­ire, con­sen­ten­do il recu­pero del pat­ri­mo­nio edilizio dismes­so e degli edi­fi­ci rurali abban­do­nati;
  • ven­gono pro­ro­gati ter­mi­ni e sospen­sione dell’efficacia di atti in mate­ria di gov­er­no del ter­ri­to­rio in con­sid­er­azione dell’emergenza epi­demi­o­log­i­ca da COVID-19;
  • per il rilas­cio di titoli abil­i­ta­tivi all’esercizio di attiv­ità eco­nomiche o alla real­iz­zazione di impianti e fab­bri­cati, anche non fun­zion­ali all’attività eco­nom­i­ca, fino al 31 dicem­bre 2021 si ricorre all’autocertificazione al pos­to del­la doc­u­men­tazione com­pro­vante i req­ui­si­ti sogget­tivi ed ogget­tivi richi­esti dal­la nor­ma­ti­va di set­tore;
  • ven­gono con­ces­si alle imp­rese aiu­ti imme­diati per inves­ti­men­ti pro­dut­tivi di nor­ma esclusi dall’applicazione delle dis­po­sizioni region­ali sul­la delo­cal­iz­zazione;
  • si pro­muove l’economia cir­co­lare medi­ante pro­ce­dure sem­plifi­cate di recu­pero dei rifiu­ti indus­tri­ali;
  • si prevede un servizio di tutor­ag­gio riv­olto ad investi­tori nazion­ali e inter­nazion­ali inter­es­sati alla real­iz­zazione di inse­di­a­men­ti pro­dut­tivi supe­ri­ori alla soglia comu­ni­taria;
  • si evi­ta di richiedere due volte la stes­sa doc­u­men­tazione attra­ver­so il fas­ci­co­lo infor­mati­co di impre­sa;
  • si riducono fino alla metà i ter­mi­ni di con­clu­sione dei pro­ced­i­men­ti ad istan­za di parte avviati entro il 2021;
  • si pro­ro­ga la valid­ità dei doc­u­men­ti attes­tanti la rego­lar­ità con­tribu­ti­va;
  • si prevede l’utilizzo delle economie su con­tribu­ti region­ali da parte degli enti locali per spese dovute all’emergenza da Covid-19 anche se riferite ad altre final­ità.
Parole chiave: