Replica al comunicato stampa di Rosa Leso pubblicato il 16 gennaio a titolo “Aratro del Lavagnone un’occasione culturale per il Garda

Parole chiave: -
Di Luigi Del Pozzo

Rice­vi­amo e pub­blichi­amo, e ter­mini­amo, anche ques­ta locale “querelle” dal con­sigliere comu­nale Rino Pol­loni

Vor­rei cortese­mente mi si con­sen­tisse di esercitare il dirit­to di repli­ca, sanci­to dall’art. 8 del­la legge sul­la stam­pa 47/1948 in mer­i­to al comu­ni­ca­to stam­pa di , Sin­da­co pro tem­pore di Desen­zano d/G. e pub­bli­ca­to  sul Notiziario online “GardaNotizie.it” il 16 gen­naio u.s., a tito­lo “Ara­tro del Lavagnone un’occasione cul­tur­ale per il Gar­da”.
In qual­ità di Con­sigliere Comu­nale di Desen­zano d/G., riten­go che il comu­ni­ca­to stam­pa del Sin­da­co LESO, con­tenga frasi che non cor­rispon­dono a ver­ità ed al lim­ite del­la diffamazione.

Alcune doverose pre­cisazioni: lo scor­so 29 agos­to, ave­vo pro­to­col­la­to un’apposita richi­es­ta al Sin­da­co  di Desen­zano d/G. per avere uno Stand espos­i­ti­vo del Comune di Desen­zano d/G. ad EXPO 2015, con la COPIA (e non l’originale) a grandez­za nat­u­rale, dell’aratro più anti­co del mon­do ed ogni altra più oppor­tu­na nota infor­ma­ti­va iner­ente le attiv­ità pre­sen­ti sul Nos­tro Ter­ri­to­rio.

Per MILANO EXPO 2015 era­no sta­ti sti­mati 20 MILIONI di vis­i­ta­tori prove­ni­en­ti da ogni ango­lo del piane­ta e ritene­vo che l’Expo fos­se un’opportunità da pren­dere al volo poiché l’occasione era uni­ca ed irripetibile, di por­ta­ta uni­ver­sale. Il Gar­da e Desen­zano, avreb­bero avu­to  una vet­ri­na mon­di­ale con una sicu­ra oppor­tu­nità per il Busi­ness tur­is­ti­co, chi avrebbe potu­to dire di NO?  Rosa Leso!

A set­tem­bre però mi venne un’altra idea…anzi DUE in una!

1)L’Italia, can­di­dan­do Milano per ospitare l’Esposizione Uni­ver­sale,  ave­va  scel­to il TEMA:   “Nutrire il Piane­ta, Ener­gia per la Vita” ed Expo Milano 2015 si con­fronta­va con il prob­le­ma del nutri­men­to dell’ uomo e del­la Ter­ra,  ponen­dosi come momen­to di dial­o­go tra i pro­tag­o­nisti del­la comu­nità inter­nazionale sulle prin­ci­pali sfide dell’umanità.  NUTRIRE IL PIANETA”, pen­sai. Nel­la sto­ria dell’agricoltura il vero sim­bo­lo dell’agricoltura è l’ ARATRO e l’aratro traina­to da un bue o da un cav­al­lo è sta­ta la pri­ma macchi­na rurale inven­ta­ta dall’uomo.

2)PAPA FRANCESCO, durante la visi­ta del 24–26 mag­gio scor­so in  TERRA SANTA ha pro­nun­ci­a­to le seguen­ti parole:  “LE SPADE SI TRASFORMINO IN ARATRI”. Incon­tran­do il Pres­i­dente Palesti­nese Mah­moud Abbas a Betlemme ha det­to:   “Pres­i­dente, cari ami­ci riu­ni­ti qui a Betlemme, Dio onnipo­tente vi bened­i­ca, vi pro­tegga e vi con­ce­da la saggez­za e la forza nec­es­sarie a portare avan­ti il cor­ag­gioso cam­mi­no del­la pace, in modo che le spade si trasformi­no in ara­tri e ques­ta Ter­ra pos­sa tornare a fiorire nel­la pros­per­ità e nel­la con­cor­dia.”  “LE SPADE SI TRASFORMINO IN ARATRI” e cioè, in PACE!

DALLUNIONE DELLE DUE COSE  è nata così l’idea da pro­porre al Pres­i­dente di Regione Lom­bar­dia, Rober­to Maroni, “ L’ ARATRO  più anti­co del Mon­do come  SIMBOLO DELLA PACE” per Expo 2015….l’iter è anco­ra in itinere e spero vada a buon fine.
Cre­do che per Desen­zano sia sta­ta un’occasione per­sa anche se è bene pre­cis­are, che l’Aratro del Lavagnone, così come tut­ti i reper­ti arche­o­logi­ci pre­sen­ti nel nos­tro Paese, è di pro­pri­età del­lo Sta­to e non cer­to del Sin­da­co che lo “cus­todisce” nel museo del­la Cit­tà.

Il Sin­da­co Leso però, nonos­tante tut­to, ha volu­to dire la sua invian­do un appos­i­to comu­ni­ca­to stam­pa al vetri­o­lo, nel clou del­la 57^ Fiera Agri­co­la Regionale di Lona­to, crit­i­can­do l’esposizione del­la copia dell’aratro e non paga, ha attribuito al sot­to­scrit­to ed al Con­sigliere di Lona­to, Ing. (pro­mo­tore dell’iniziativa) frasi e riven­di­cazioni che non cor­rispon­dono a ver­ità, al lim­ite del­la diffamazione.  Un com­por­ta­men­to che poco si addice ad un pri­mo cit­tadi­no, direi piut­tosto, una cadu­ta di stile”.

Rino Pol­loni

Parole chiave: -