«Restel de Fer»: si realizza la nuova viabilità

18/06/2017 in Attualità
Di Redazione

Man­ca poco all’at­te­sa «riv­o­luzione» del­la nel­la zona nota come «Res­tel de Fer»: a cav­al­lo del fine set­ti­mana si sta instal­lan­do la seg­nalet­i­ca ver­ti­cale (provvi­so­ri­a­mente cop­er­ta); quin­di, nel­la notte tra mart­edì 20 e mer­coledì 21 giug­no (con inizio dei lavori in ser­a­ta) sarà real­iz­za­ta la seg­nalet­i­ca oriz­zon­tale, ridis­eg­nan­do la di tut­ta la zona delim­i­ta­ta da via Pado­va, viale Rovere­to, via Brione e via Filan­da, com­pren­dente le vie Tre­vi­so, Res­tel de Fer, Vicen­za, Udine, Gorizia, Bel­luno, Lon­ga e Con­falonieri, con in più posti auto rego­la­men­tari, vie pedonali e cicla­bili.

Si trat­ta di una zona in cui le strade han­no una larghez­za lim­i­ta­ta, con gravi prob­le­mi di con­viven­za tra auto, pedoni e bici­clette, e riper­cus­sioni ril­e­van­ti sul­la vivi­bil­ità e sul­la sicurez­za, e non infre­quen­ti casi di bloc­co, anche per i mezzi di pron­to inter­ven­to. I prob­le­mi si pre­sen­tano in par­ti­co­lare durante la sta­gione esti­va, per la pre­sen­za di numerose attiv­ità ricettive che richia­mano un ele­va­to numero di veicoli, tra cui tan­ti pull­man.

La soluzione che sarà real­iz­za­ta, che cos­ti­tu­isce un appro­fondi­men­to di det­taglio del PUM, il Piano urbano del­la mobil­ità (redat­to su incar­i­co del Comune dal­l’ing. Francesco Seneci), è sta­ta per­fezion­a­ta e mod­i­fi­ca­ta con il con­trib­u­to dei res­i­den­ti e dei tito­lari delle attiv­ità ricettive, che l’Am­min­is­trazione comu­nale ha incon­tra­to in una apposi­ta ser­a­ta, lo scor­so 16 dicem­bre nel­la caser­ma dei vig­ili del fuo­co in viale Rovere­to, e suc­ces­si­va­mente con una serie di incon­tri con sin­goli, per con­cor­dare la soluzione migliore a nodi pun­tu­ali del­la com­p­lessa via­bil­ità del­la zona.

La soluzione prevede che buona parte delle strade diven­ti a sen­so uni­co (solo parte di via Lon­ga, via Bel­luno e via Con­falonieri riman­gono a doppio sen­so), scelta inevitabile per ricavare i nec­es­sari posti auto (in lin­ea rispet­to all’asse stradale) e i pas­sag­gi cicla­bili e pedonali, così da risol­vere i prob­le­mi di sicurez­za e vivi­bil­ità di oggi. La nuo­va orga­niz­zazione viaria sarà real­iz­za­ta con seg­nalet­i­ca oriz­zon­tale bian­ca, a nor­ma del Codice del­la Stra­da, in vista di un peri­o­do di ver­i­fi­ca e di val­u­tazione che si con­clud­erà alla fine del­l’an­no; dopo il quale – sen­ti­ti nuo­va­mente res­i­den­ti e oper­a­tori – si pro­ced­erà, così come già sta­bil­i­to oppure con le mod­i­fiche che si riter­ran­no oppor­tune, alla real­iz­zazione del­la seg­nalet­i­ca defin­i­ti­va, col­orata.

La via ciclope­donale sarà dis­tin­ta in modo net­to e vis­i­bile con una pavi­men­tazione ded­i­ca­ta di col­ore rosso. Ques­ta soluzione sarà ripor­ta­ta anche in tut­ti gli incro­ci, così da con­tribuire a ridurre la veloc­ità dei veicoli. Nel­la soluzione-tipo, quel­la real­iz­za­ta nel­la mag­gior parte dei casi, ci saran­no quin­di una via carra­bile a sen­so uni­co con tran­si­to anche delle bici­clette nel­la medes­i­ma direzione, su un lato i posti auto in lin­ea, sul­l’al­tro lato la via per la direzione oppos­ta e la cor­sia pedonale, sep­a­ra­ta. Il tut­to è stu­di­a­to anche per evitare che la zona pos­sa accogliere traf­fi­co di pas­sag­gio.

L’area sarà quin­di ogget­to di una nuo­va ordi­nan­za che met­terà nero su bian­co il com­p­lesso del­la nuo­va rego­la­men­tazione, sos­ta dei veicoli com­pre­sa, così da per­me­t­tere alla di inter­venire nei casi di sos­ta non rego­lare e intral­cio alla cir­co­lazione, oggi nel peri­o­do esti­vo tut­t’al­tro che infre­quen­ti, così come richiesto da res­i­den­ti e oper­a­tori.

Uno dei prob­le­mi più gravosi, la dif­fi­cile con­viven­za con i tan­ti pull­man diret­ti alle strut­ture ricettive, sarà risolto con un per­cor­so obbli­ga­to rica­va­to sulle diret­tri­ci adat­te: i pull­man, quin­di, acced­er­an­no all’area uni­ca­mente uni­ca­mente da via Lon­ga, da via Res­tel de Fer e da via Bel­luno. Per questi mezzi l’al­lunga­men­to del per­cor­so è nel­la mag­gior parte dei casi pres­soché nul­la o al mas­si­mo min­i­ma.

Per pot­er eseguire l’in­ter­ven­to di real­iz­zazione del­la seg­nalet­i­ca oriz­zon­tale, le strade inter­es­sate saran­no pulite mart­edì 20 giug­no, sic­ché sulle stesse strade sarà fat­to divi­eto di sos­ta anco­ra in gior­na­ta (a questo propos­i­to, si ricor­da che a poca dis­tan­za, in via Tre­vi­so, è sta­to real­iz­za­to l’an­no scor­so un parcheg­gio pub­bli­co di 150 posti, gra­tu­ito). Dal­la sera e per tut­ta la notte saran­no ese­gui­ti i lavori (in questo orario per lim­itare al mas­si­mo le riper­cus­sioni su via­bil­ità e parcheg­gio). Nel caso di impre­visti, sem­pre pos­si­bili, even­tu­ali inter­ven­ti di com­ple­ta­men­to saran­no ese­gui­ti nel­la sera-notte suc­ces­si­va. Gli oper­a­tori del­la zona saran­no infor­mati indi­vid­ual­mente e ricev­er­an­no la pianti­na del­la zona con la nuo­va via­bil­ità.

L’in­ter­ven­to è real­iz­za­to con la col­lab­o­razione del Cor­po di polizia locale inter­co­mu­nale.