Dal 20 gennaio riaprono i cantieri per la riqualificazione delle piazze principali

«Restyling» del centro Ora tocca a via Tarello

14/01/2009 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

Il 20 gen­naio, dopo la fiera, ripren­derà il cantiere di riqual­i­fi­cazione del cen­tro stori­co di Lona­to. Fini­to il pri­mo lot­to con la sis­temazione di piaz­za Mat­teot­ti, ora le opere si sposter­an­no su via Tarel­lo, che alla fine diver­rà a sen­so uni­co: è la cen­tralis­si­ma stra­da che col­le­ga Cor­so Garibal­di con piaz­za Mar­tiri del­la Libertà.Anche se Piaz­za Mat­teot­ti è già sta­ta inau­gu­ra­ta con l’assessore Regionale Nicoli Cris­tiani non si speg­ne però la polem­i­ca lan­ci­a­ta dal grup­po con­sil­iare di mino­ran­za Vivi Lona­to-Pd (Moran­do Peri­ni, Gian Car­lo Papa e Davide Bacinel­li) che accusa­va la Giun­ta di aver fer­ma­to l’appalto già pron­to nel 2005 con tan­to di finanzi­a­men­to. Tre anni di ritar­do per poi real­iz­zare lavori «in modo non dis­sim­i­le da quan­to pre­vis­to nel 2005. Ci sono cubet­ti di por­fi­do invece di las­troni di pietra. Non è sta­to inclu­so il trat­to di via Repub­li­ca prospi­cente la piazza».Insomma il cen­trosin­is­tra ril­e­va­va che in questo modo il prog­et­to era sta­to paga­to due volte con un risul­ta­to pres­sochè identico.Replica l’assessore alla via­bil­ità Rober­to Vanaria. «Dati alla mano, ai prog­et­tisti sono andati in più rispet­to al 2005 solo 350 euro per­ché gli altri costi dove­vano comunque essere sostenu­ti. Tut­to il resto è polem­i­ca ster­ile come l’accusa che abbi­amo demoli­to una parte delle antiche mura. Sono sta­ti uni­ca­mente tolti i pilas­tri d’accordo con la soprintendenza».L’amministrazione comu­nale lonatese ha anche deciso di appog­gia­r­si a Bres­cia Mobil­ità per lo stu­dio del piano traf­fi­co. Non è comunque in dis­cus­sione il sen­so uni­co di Cor­so Garibal­di: «Sem­mai gli esper­ti ci diran­no quale potrà essere la direzione migliore: da Desen­zano a Bres­cia, o vicev­er­sa».