.

Rete idrica, fognature e strade più illuminate

Di Luca Delpozzo
Peschiera del Garda

Estate all’insegna del­la sicurez­za per le strade e nuovi inter­ven­ti alla rete idri­ca e fog­nar­ia. Sono questi gli ulti­mi provved­i­men­ti varati in Con­siglio comu­nale dall’Amministrazione Dal­la Pel­le­g­ri­na. In bilan­cio sono sta­ti isti­tu­iti due nuovi inter­ven­ti che riguardano acqua e fog­na­ture, ma anche pedonale, per un totale di poco più di 600 mila euro. Sul fronte del­la sicurez­za, ver­ran­no imp­ie­gati 330 mila euro per l’adeguamento alle norme di sicurez­za degli impianti d’illuminazione pub­bli­ca. «Solo recen­te­mente» dice il sin­da­co Bruno Dal­la Pel­le­g­ri­na, «abbi­amo incar­i­ca­to i respon­s­abili del­l’uf­fi­cio tec­ni­co a con­trol­lare la situ­azione degli impianti sit­uati sul nos­tro ter­ri­to­rio. Le ver­i­fiche effet­tuate ci han­no indot­to a dover inter­venire al più presto per adeguare alle norme di sicurez­za lad­dove è nec­es­sario». Per quan­to riguar­da acqua e fog­na­ture, «i rispet­tivi inter­ven­ti ver­ran­no affrontati medi­ante mutui», pre­cisa l’assessore al bilan­cio , «che ammon­ter­an­no a cir­ca 150mila euro». È di 360mila euro, invece, il finanzi­a­men­to regionale che ver­rà uti­liz­za­to per gli inter­ven­ti alle . E saran­no questi, con tut­ta prob­a­bil­ità, gli ulti­mi provved­i­men­ti dis­posti dall’Amministrazione per ques­ta estate. L’aria di vacanze si res­pi­ra­va già nell’ultima con­vo­cazione del Con­siglio comu­nale, orfano di due terzi dei con­siglieri di mino­ran­za. L’ordine del giorno, ded­i­ca­to per lo più a ques­tioni tec­niche, non offri­va cer­to ele­men­ti deg­ni di un folto pub­bli­co o delle con­suete dia­tribe tra le par­ti. Tan­to che la pun­tu­al­iz­zazione dell’assessore Chin­car­i­ni sec­on­do cui, «rispet­to ai dati uffi­ciali del­la Corte dei Con­ti, il bilan­cio di questo Comune è soli­do», è sta­ta accol­ta con uno scros­ciante applau­so dei col­leghi di mag­gio­ran­za. Mis­sione non impos­si­bile, in assen­za di inter­locu­tori. In sede di approvazione di bilan­cio, infat­ti, la ques­tione è sta­ta ampia­mente dibat­tuta, tra le accese polemiche e le dure critiche delle opposizioni.