Chi ha un grande Passato avrà anche un grande Futuro

Rievocazione cerimonia di presentazione dell’Alfa Romeo 2000

15/06/2016 in Attualità
Villa Mirabella sede Comunità del Garda
Iscriviti al nostro canale
Di Luigi Del Pozzo

Si è svolta oggi, nella sede della Comunità del Garda la conferenza stampa di presentazione dell’evento, organizzato dal Registro Italiano Giulia, che celebrerà i 45 anni di Alfa Romeo 2000 a Gardone Riviera.

Presenti Paolo Stefanel, presidente del Registro, Domenico Pepè, Vice Presidente, Valerio Prignachi e Stefano Borghi organizzatori del Raduno, il Vice Sindaco del Comune di Gardone Riviera Giampiero Seresina e il Segretario Generale della Comunità del Garda, Pierlucio Ceresa.

Dopo il saluto della Comunità del Garda e del Comune di Gardone Riviera, onorati di poter ospitare un evento di questo tipo, gli appassionati interventi di due Alfisti di eccezione, ovvero dei vertici del Registro Italiano Giulia, hanno posto l’accento sul significato sportivo, sul senso di appartenenza ad un marchio che ha rappresentato senza alcuno dubbio “la mamma” di tutte le altre auto. Un auto “che faceva esperienza nelle corse al servizio delle auto ad uso stradale”. Come ricorda Stefano Borghi, citando Orazio Satta Puliga, essere alfisti “è un modo di vivere, un modo tutto particolare di concepire un veicolo a motore, qualcosa che resiste alle definizioni, i suoi elementi sono come quei tratti irrazionali dello spirito umano che non possono essere spiegati con una terminologia logica, si tratta di sensazioni, di passione, tutte cose che hanno a che fare più col cuore che con il cervello”.

Valerio Prignachi, organizzatore con Stefano Borghi dell’evento, alfista e socio del Registro, illustra il programma, semplice, ma filologicamente nel rispetto di quello che era stata quella giornata a Gardone Riviera di 45 anni fa.

L’Alfa Romeo, quell’anno, fece una scelta del tutto inusuale: presentò l’Alfa Romeo 2000 (l’evoluzione della Giulia) insieme ai modelli 2000 GT Veloce e Spider Veloce, in un luogo di eccellenza, anziché nei saloni automobilistici, come era ed è normale fare. Scelse Gardone Riviera, perfetto connubio tra un territorio di raro pregio paesaggistico e l’eccellenza di un marchio come Alfa Romeo. Fautori di questo evento furono Giuseppe Luraghi, mai dimenticato Presidente dell’Alfa Romeo, Gardonese di adozione, e Rudolf Hruska, grande ingegnere all’Alfa Romeo (direttore tecnico responsabile dei settori di produzione e progettazione, che sovrintese personalmente alla progettazione e industrializzazione delle Giulietta BerlinaSprint e Spider), cugino del dr. Arturo Hruska, fondatore del Giardino Botanico, ora Fondazione A. Heller.

Una coupé, una spider e una berlina, accompagnata dalla nuova Alfa 2000, partiranno da Arese per arrivare a Gardone sabato in serata, in cui si darà vita ad un momento “privato” tra i soci e le autovetture (una ventina) dei soci, in rappresentanza delle diverse tipologie, prodotte tra il 1962 e il 1977.

Le tre auto dell’epoca e la nuova Giulia saranno sotto i riflettori dei fotografi, la domenica mattina, nella piazzetta Dalmata del Vittoriale, dove, nel 1932 ci fu il famoso incontro, in occasione del quale Gabriele d’Annunzio regalò la tartaruga a Tazio Nuvolari, che poi ne fece in seguito il suo simbolo. Anche in questa occasione l’Alfa Romeo era ospite d’onore in occasione della presentazione della Alfa Romeo 1750.

Si ricorderanno i legami di questo grande marchio con il Garda: il circuito del Garda (percorrendo in una breve prova speciale alle Zette di Salò, unico tratto rimasto intatto rispetto all’originale circuito), gara a valenza mondiale e luogo dove tanti piloti trovavano collegamento con Montecarlo e dove esordì Tazio Nuvolari e vide la partecipazioni di tanti altri notissimi sul piano internazionale e che caratterizzò il territorio dal ’20 al ’60; percorrendo il tratto che da Salò porta a San Michele ricordando il Rally del Garda, notissimo per essere una delle prove speciali più affascinanti del mondo, dove l’Alfa, pur con alcuni problemi, partecipò.

La conclusione, che anticipa una visita al Vittoriale degli Italiani, è prevista alla Villa Mirabella, in una breve cerimonia di premiazione e commiato, dove verranno offerte delle bottigliette – “Calamaio di d’Annunzio” – di olio extravergine di Oliva (da olive provenienti dal parco del Vittoriale degli Italiani) della Latteria  Turnaria di Tignale.

Si conclude con i ringraziamenti vivissimi al Registro Italiano Giulia, al Comune di Gardone Riviera, alla Comunità del Garda e al Vittoriale degli Italiani, la cui collaborazione è stata fondamentale per la realizzazione dell’evento.

 

Commenti

commenti