Anche la campagna nelle scuole primarie del territorio ha dato i suoi frutti. La raccolta differenziata sfiora il 40%: premio da Legambiente

Rifiuti, capitan Eco ha fatto centro

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
m.to

Qua­si 10 ton­nel­late di rifiu­ti in meno con­fer­i­ti rispet­to allo scor­so anno all’inceneritore di Bres­cia. Cap­i­tan Eco, la cam­pagna di edu­cazione ambi­en­tale pro­mossa dal Comune di Desen­zano sot­to for­ma di gio­co e ind­i­riz­za­ta alle scuole ele­men­tari, sta otte­nen­do apprez­z­abili risul­tati. Non tan­to per un even­tuale risparmio, per­ché 10 ton­nel­late in meno, rispet­to a 11 mila ton­nel­late smaltite nel 2005 dal­la cit­tà garde­sana, rap­p­re­sen­tano cer­ta­mente una bazzeco­la, quan­to invece per l’impegno mes­so in mostra dai bam­bi­ni e dalle famiglie che, pazien­te­mente per accon­tentare anche i loro pic­coli a rac­cogliere le fig­urine, han­no rispos­to in gran numero. Sen­za dimen­ti­care l’importante ruo­lo educa­ti­vo offer­to dagli inseg­nan­ti delle elementari.Infatti lo scor­so anno la cam­pagna Cap­i­tan Eco vide dis­tribuire qua­si 44 mila fig­urine con­tro le 21 mila pre­ven­ti­vate. Sec­on­do poi i dati for­ni­ti da Gar­da Uno sono sta­ti con­fer­i­ti 185.500 kg. di mate­ri­ale, di cui 97.500 di car­ta, 37 mila di vetro, 21 mila di plas­ti­ca, 18.500 di met­al­li e 11.500 di verde. Ieri a palaz­zo Bagat­ta è sta­ta pre­sen­ta­ta l’edizione 2007, che vedrà le mon­ete al pos­to delle fig­urine. Ad illus­trarne i par­ti­co­lari c’erano l’assessore Mau­ro Guer­ra e i del­e­gati del Gar­da Uno e di Achab Group, rete nazionale di pro­fes­sion­isti del­la comu­ni­cazione ambi­en­tale. E poi un pub­bli­co insoli­to: una cinquan­ti­na di graziosi bam­bi­ni delle clas­si quarte dell’elementare «Achille Papa», accom­pa­g­nati dai loro insegnanti.La cam­pagna coin­vol­gerà tutte le scuole pri­marie di Desen­zano. Sono pre­visti inter­ven­ti oggi alla «Sant’Angela Meri­ci», il 18 alla «Don Maz­zo­lari», il 19 alla «Lai­ni» e il 22 alla «Papa». Come ha spie­ga­to Guer­ra, le «isole di rac­col­ta» quest’anno saran­no due: una in via Giot­to, l’altra nei parag­gi del cimitero. La for­mu­la del gio­co, che chi­ud­erà i bat­ten­ti il 30 aprile, prevede che ogni classe sia vis­i­ta­ta da un oper­a­tore di Achab Group, trav­es­ti­to appun­to da Cap­i­tan Eco, il quale ani­merà con giochi e domande le clas­si, per poi con­seg­nare un sal­vadanaio e regalare alcune ecomon­ete, come pre­mio alle risposte giuste dei bam­bi­ni. Il sal­vadanaio dovrà essere poi riem­pi­to dagli stes­si sco­lari con le ecomon­ete, rice­vute nelle isole eco­logiche in cam­bio dei mate­ri­ali con­fer­i­ti. Al mas­si­mo potran­no essere con­seg­nate 5 ecomon­ete per ogni con­fer­i­men­to e per ogni 50 rac­colte ver­rà con­seg­na­to un «ecol­in­got­to», il cui val­ore sarà pari a 100 mon­ete. Le clas­si e la scuo­la che avran­no rac­colto più mon­ete e lin­got­ti saran­no pre­mi­ate nel cor­so di una grande fes­ta con­clu­si­va in pro­gram­ma ad aprile. «Quan­do si par­la di edu­cazione ambi­en­tale — dice l’assessore all’ecologia di Desen­zano — si pen­sa alla dif­fu­sione di buone idee prive o qua­si di effi­ca­cia: non è così, come dimostra l’andamento del­la , giun­ta quest’anno alla soglia del 40%, che ha frut­ta­to il riconosci­men­to di Comune rici­clone da parte di Legam­bi­ente».

Parole chiave: