Si sta rivelando più difficile del previsto la nascita della nuova «Garda Trentino Vacanza spa»: ci sono problemi di statuto. Gli albergatori attesi dal notaio, ma prima parleranno coi sindaci

Riforma Apt: traguardo in vista, l’Asat frena

09/10/2003 in Attualità
Di Luca Delpozzo

Non dire gat­to se non ce l’hai nel sacco…Ci ricor­da questo vec­chio e sag­gio det­to popo­lare l’im­provvi­so sus­sul­to (d’or­goglio o di «poltron­ite»? — si chiede qual­cuno) che sta attra­ver­san­do in questi giorni l’As­so­ci­azione Alber­ga­tori del­l’Al­to Gar­da, entra­ta in fib­ril­lazione quan­do ormai sem­bra­va che la nasci­ta di Gar­da Trenti­no Vacan­za (soci­età per azioni des­ti­na­ta a rac­cogliere l’ered­ità del­l’Apt) fos­se già nel­l’an­ti­cam­era del notaio. Le notizie certe sono meno delle illazioni, ma si pos­sono così riassumere.Primo: dopo aver dato pieno manda­to alla pres­i­dente Anna Perug­i­ni per­chè pro­cedesse sul­la stra­da di far decol­lare — con gli altri part­ner: Unione, Amsa, Pala­con­gres­si, Comu­ni di Riva, Arco, Nago-Tor­bole, Ten­no, Dro e Drena — una «spa» (l’al­ter­na­ti­va era una coop­er­a­ti­va, come han­no scel­to altri ambiti tur­is­ti­ci tren­ti­ni), ora alcu­ni asso­ciati «di peso» non sono più così con­vin­ti del­la bon­tà del­la scelta. Sec­on­do: a non con­vin­cere l’As­so­ci­azione non è tan­to la for­mu­la «spa» (che se fos­se scar­i­ca­ta in zona Cesari­ni sig­ni­ficherebbe la sfidu­cia al pres­i­dente Perug­i­ni: e non sem­bra il caso…) quan­to piut­tosto lo statu­to abboz­za­to per la neona­ta Gar­da Trenti­no Vacan­za, accusato di non garan­tire la dovu­ta rap­p­re­sen­ta­tiv­ità del­la stes­sa Asat. Ter­zo: l’ade­sione alla soci­età è quin­di «in freez­er» per qualche giorno in atte­sa di incon­tri chiar­i­fi­ca­tori pri­ma a liv­el­lo politi­co (con i sin­daci) e poi a liv­el­lo inter­no del­l’Asat (di sicuro ci sarà un diret­ti­vo, forse addirit­tura un’assem­blea di tut­ti gli associati).Il deside­rio del­l’As­so­ci­azione Alber­ga­tori di dare una brus­ca fre­na­ta all’in­gres­so in Gar­da Trenti­no Svilup­po non avrebbe grande impor­tan­za se sul­la cos­ti­tuzione del­la soci­età non gravasse una sca­den­za molto impor­tante. La legge di rifor­ma delle Apt prevede infat­ti che se gli organ­is­mi «ere­di» (nel caso del Bas­so Sar­ca la Gar­da Trenti­no Vacan­za) ven­gono cos­ti­tu­iti entro il 20 otto­bre, questi stes­si organ­is­mi pos­sono diventare pien­amente oper­a­tivi a par­tire dal prossi­mo 1 gen­naio. Bene: quel­l’o­bi­et­ti­vo è pro­prio quel­lo che si sono dati i gran­di manovra­tori del­l’­op­er­azione, che — tan­to per non far nomi — pos­sono essere con­siderati Enzo Bas­set­ti, Alber­to Bertoli­ni, gli asses­sori Tanas (a Riva) e Mar­tinel­li (a Tor­bole). Ora che è scop­pi­a­ta la «grana» del­l’As­so­ci­azione, il castel­lo pazien­te­mente costru­ito (anche con l’ac­cortez­za di inve­stire del­la prob­lem­at­i­ca i con­sigli comu­nali soltan­to per le «ade­sioni» suc­ces­sive alla spa e non per la mes­sa in atto del­lo statu­to: sen­nò si anda­va alle cal­ende greche) potrebbe subire un con­trac­colpo grave. Ed è quel­lo che sta pre­oc­cu­pan­do gli ambi­en­ti tur­is­ti­ci garde­sani in questi giorni, dove le mosse del­l’Asat saran­no sicu­ra­mente segui­te con grande attenzione.D’altro can­to se c’è chi è pre­oc­cu­pa­to per il ritar­do che potrebbe avere il decol­lo di Gar­da Trenti­no Vacan­za, c’è anche chi fa notare che tredi­ci anni fa l’ul­ti­ma grande rifor­ma del­la pro­mozione tur­is­ti­ca (la trasfor­mazione delle Aziende Autonome di Sog­giorno in Apt) si era trasci­na­ta per mesi. Addirit­tura per anni. Se è vero — come è vero — che anche al giorno d’og­gi Car­lo Mod­e­na (a Riva) e Fer­di­nan­do Mar­tinel­li (a Tor­bole) sono anco­ra for­mal­mente «com­mis­sari liq­uida­tori» delle rispet­tive Aziende Autonome, per­chè alcune pen­den­ze non sono anco­ra del tut­to risolte.«Piuttosto che fare un pat­er­ac­chio — dicono gli alber­ga­tori del­l’Asat che anco­ra non han­no diger­i­to la nuo­va «spa» — è meglio che Meneghel­li fac­cia per qualche mese il com­mis­sario liq­uida­tore a sua vol­ta. Non sarebbe la fine del mondo…»«Sarebbe una scioc­chez­za — repli­ca invece il fronte di chi vede Gar­da Trenti­no Vacan­za come una svol­ta epocale — Non si può frenare una rifor­ma per gio­chet­ti di potere e per posti garan­ti­ti nel nuo­vo con­siglio d’amministrazione».Insomma lo avrete capi­to: quel­lo che sul Gar­da sem­bra­va un pas­sag­gio sen­za osta­coli (lo sciogli­men­to del­l’Apt), potrebbe riv­e­lar­si presto una bagarre. Vedremo.