L’assemblea del Gruppo di azione locale. Dal recupero delle limonaie a quello del forno fusorio

Risorse sul territorio occasioni di sviluppo

10/04/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

A Salò, nel­la sede di via Rive, edi­fi­cio dell’ex macel­lo, si è svol­ta l’assemblea dei soci del Gal Gar­da & Valle Sab­bia. Il Grup­po di azione locale, pre­siedu­to da (), riu­nisce enti pub­bli­ci e aziende pri­vate. Han­no parte­ci­pa­to i rap­p­re­sen­tan­ti di: Provin­cia di Bres­cia, Comu­nità mon­tana (Alto lago, Valle Sab­bia), Comu­ni (Tig­nale, Tremo­sine), Ban­ca coop­er­a­ti­va Valsab­bina, Ban­ca di cred­i­to coop­er­a­ti­vo Bedi­z­zole-Tura­no-Valvesti­no, Con­sorzio Riv­iera dei Limoni e Con­sorzio Fore­stale del­la Valvesti­no, Val­gas spa, Alpe del Gar­da. Nell’assemblea sono state illus­trate le inizia­tive in cor­so per val­oriz­zare le risorse nat­u­rali, cul­tur­ali e umane del ter­ri­to­rio: i con­tribu­ti a favore del­l’avvio di attiv­ità di Bed & Break­fast e la for­mazione degli oper­a­tori; lo stu­dio, l’ideazione e la real­iz­zazione di un viag­gio-itin­er­ario tra i due laghi; even­ti di ani­mazione («Di bosco in bor­go», «Bor­sa delle idee», «S.Lucia al Par­co»); com­ple­ta­men­to del cen­tro tur­is­ti­co San Roc­co; real­iz­zazione di un ostel­lo pub­bli­co in Valvesti­no. Questi i prog­et­ti per rilan­cia­re il pat­ri­mo­nio stori­co e cul­tur­ale locale, con­siderati risorse fon­da­men­tali del­lo svilup­po del ter­ri­to­rio e del­la con­sapev­olez­za del­la popo­lazione del­la pro­pria iden­tità rurale: avvi­a­men­to del recu­pero del­la Limon­a­ia del Prà de la Fam al por­to di Tig­nale e del forno fuso­rio di Livem­mo; sosteg­no all’in­for­ma­tiz­zazione del sis­tema muse­ale valsab­bi­no; con­trib­u­to alla real­iz­zazione del sito del­la Civi­ca rac­col­ta del dis­eg­no di Salò e all’adegua­men­to del­l’Osser­va­to­rio meteo sis­mo­logi­co Pio Bet­toni; finanzi­a­men­to per l’acquisto di stru­men­ti infor­mati­ci al del­la Car­ta di Toscolano Mader­no; inter­ven­ti di recu­pero ambi­en­tale in Roc­ca d’An­fo; avvio di una cam­pagna educa­ti­va sul ricor­do del pas­sato. Per offrire un ambi­ente migliore alla popo­lazione che vi risiede e ai tur­isti, in un’ottica di eco-com­pat­i­bil­ità, sono state indi­vid­u­ate le seguen­ti attiv­ità: prog­et­ti sper­i­men­tali volti all’u­ti­liz­zo di ener­gia solare e dei sot­to­prodot­ti del­la fil­iera bosco-leg­no; real­iz­zazione del lab­o­ra­to­rio per­ma­nente sul­lo svilup­po sosteni­bile in Valvesti­no e a Valle­drane; cer­ti­fi­cazione ambi­en­tale del ; con­tribu­ti per il riu­ti­liz­zo degli scar­ti di lavo­razione del set­tore agroal­i­menta­re; cam­pagna educa­ti­va sul rici­clag­gio. Il Grup­po ha stip­u­la­to accor­di di col­lab­o­razione con altri ter­ri­tori rurali, per­me­t­ten­do di favorire lo scam­bio di espe­rien­ze e di conoscen­ze con part­ner nazion­ali e stranieri. I prog­et­ti riguardano l’u­ti­liz­zo del leg­no, con un Gal scozzese; la flo­ra (con uno abruzzese); le vie d’ac­qua del Nord Italia (sono sta­ti coin­volti altri cinque Gal ital­iani). Il pres­i­dente Fontana ha annun­ci­a­to che sul ter­ri­to­rio ver­rà por­ta­ta una cifra com­p­lessi­va di 607.500 euro. Si è pure ricorda­to lo stu­dio di fat­tibil­ità dell’ippovia, redat­to con il con­trib­u­to di Palaz­zo Bro­let­to: un itin­er­ario da per­cor­rere a cav­al­lo che unisce il Gar­da all’Adamel­lo, pas­san­do per il lago d’Idro ed incon­tran­do borghi, boschi, fie­nili, for­ti, mal­ghe, ville e prodot­ti locali. Il per­cor­so, svilup­pa­to da oper­a­tori del set­tore, coin­vol­gerà nel­la fase esec­u­ti­va tre Comu­nità mon­tane e due Parchi region­ali. Obi­et­tivi strate­gi­ci del prossi­mo futuro: real­iz­zare, nel cor­so del 2005, pre­vi­sioni di spe­sa per un mil­ione e 354 mila euro; coin­vol­gere i soci pub­bli­ci e pri­vati in nuove inizia­tive; prog­ettare il piano di svilup­po 2007–2013; col­lab­o­rare all’integrazione tra la scuo­la e il mon­do del lavoro; avviare un per­cor­so conosc­i­ti­vo sul­l’op­por­tu­nità di atti­vare uno sportel­lo del­l’U­nione Europea.

Parole chiave: