Lavarello alla griglia e risotto alla tinca Adesso c’è Internet che li fa conoscere

Ristoratori associati

05/06/2002 in Enogastronomia
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Www.associazione ris­tora­tori Lazise.it è il nuo­vo sito Inter­net appe­na lan­ci­a­to dai ris­tora­tori di Lazise che fan­no capo all’associazione omon­i­ma. Clic­can­do appun­to sul sito appe­na enun­ci­a­to si può vision­are un breve cen­no stori­co di Lazise, la sua ubi­cazione sul lago di Gar­da, le sue carat­ter­is­tiche urban­is­tiche ed infine tut­to quel­lo che si vuole conoscere sul­la ris­torazione tipi­ca del lago di Gar­da e di Lazise in par­ti­co­lare. Segue poi una panoram­i­ca dei ris­toran­ti asso­ciati, per ora solo 14, sug­li oltre quar­an­ta oper­an­ti sul ter­ri­to­rio comu­nale, con la loro chiara ubi­cazione sul­la pianta stor­i­ca del paese. Com’è noto, Lazise, è il cen­tro tur­is­ti­co del­la riv­iera veronese del lago di Gar­da più famoso e più rino­ma­to per la sua tipi­ca vocazione culi­nar­ia. Lazise in tavola, è il mot­to che accom­pa­gna il pieghev­ole appe­na pos­to in cir­co­lazione in Italia ed all’estero, non è altro che una selezione di ris­toran­ti per pro­muo­vere la buona tavola ed il tur­is­mo in tut­to il peri­o­do dell’anno. «Sì per­ché non siamo, a turno, aper­ti tut­to il tem­po dell’anno», spie­ga il pres­i­dente Sante Pasquali­ni, « ed è quin­di una occa­sione di incon­tro con i sapori antichi di una cuci­na tipi­ca come il risot­to alla tin­ca, o il lavarel­lo alla griglia. Spri­gio­nano fra­granze che si spostano, in tavola, con i vini tipi­ci locali » con­tin­ua Pasquali­ni, «in una cit­tad­i­na dove la sto­ria si legge ad ogni pas­so, nei gesti antichi del­la tradizione». Lo stes­so sito Inter­net si può anche uti­liz­zare nel cir­cuito inter­nazionale con il com al pos­to di it. I ris­tora­tori di Lazise sono quin­di pre­sen­ti a liv­el­lo inter­nazionale. Del resto gli apprez­za­men­ti ottenu­ti di recen­ti al Bit di Milano ed il Cibus di Par­ma sono incon­tro­vert­ibili. «Vogliamo far­ci conoscere anche qui vici­no a noi, appe­na fuori provin­cia» spie­ga Pasquali­ni, nel Man­to­vano, pre­cisa­mente ad Ostiglia. «Questo por­tale è impor­tante per far conoscere la nos­tro cul­tura culi­nar­ia, le nos­tre tradizioni, la nos­tra abil­ità. Adesso ci pre­sen­ti­amo con il nos­tro piat­to clou, il risot­to con la tin­ca, alla 57ª Fiera di Pri­mav­era. Ci sarà una gara pro­fes­sion­ale tra ris­tora­tori e noi non vogliamo man­care al 7° Gran pre­mio Chic­co Ostiglia. «Il nos­tro piat­to lo rite­ni­amo uni­co e for­mi­da­bile», con­clude il pres­i­dente, «e vogliamo sia conosci­u­to anche fra col­oro che vivono con il riso. Cre­di­amo di non sfig­u­rare, anzi di ben fig­u­rare e di far­ci apprez­zare e quin­di portare sul lago anche il tur­is­mo pen­dolare e del­la buona tavola. Spe­ri­amo di rius­cir­ci».

Lazise
Parole chiave:

Commenti

commenti