Davanti alla centrale esperimento decisivo per inabissare l'alghetta che guasta il lago

Ritornano in acqua le barriere contro l’orrenda schiuma

28/03/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Cresce lenta­mente la tem­per­atu­ra e tor­na, pun­tu­alis­si­mo, il fenom­e­no delle schi­ume bian­cas­tre in lib­era usci­ta dal­lo sboc­co a lago del­la con­dot­ta forza­ta del­la cen­trale di Riva. Ma quest’an­no — per la pri­ma vol­ta — la cen­trifugazione del­l’al­ga oscil­la­to­ria nelle tur­bine del­l’impianto idroelet­tri­co (ormai è appu­ra­to che l’or­ren­da poltiglia è orig­i­na­ta pro­prio da questo!), tro­verà un deg­no avver­sario pro­prio davan­ti all’in­gres­so a lago: una bar­ri­era che inabis­serà le schi­ume quel tan­to che bas­ta per smin­uz­zarle e ren­der­le meno offen­sive all’estet­i­ca com­p­lessi­va del gol­fo rivano. Così almeno si spera…Le schi­ume, come si ricorderà, era­no state imbrigli­ate già lo scor­so anno, ver­so la fine di set­tem­bre, quan­do davan­ti alla cen­trale una pic­co­la task-force di volon­tari, coor­di­na­ta da Pao­lo Mat­teot­ti e Man­lio Patuzzi, ave­va col­lo­ca­to una serie di zat­tere gal­leg­gianti. Un pet­tine lun­go una quar­an­ti­na di metri a reg­gere altret­tan­ti metri di stuoie flessibili immerse in acqua, così da obbli­gare lo scari­co del­la Cen­trale a pas­sare negli strati più pro­fon­di del lago. La bar­ri­era, col­lo­ca­ta sper­i­men­tal­mente per un meset­to, ave­va dato otti­mi risul­tati: ma bisogna anche dire che, all’inizio del­l’au­tun­no, le schi­u­mate del­la cen­trale (per via del­la minore pro­lif­er­azione di alghe nel lago di Ledro) non era­no cer­to così intense come in primavera-estate.Ora la pro­tezione sarà rimes­sa al suo pos­to e c’è la sper­an­za che i risul­tati buoni del pri­mo esper­i­men­to siano con­se­gui­ti anche nel peri­o­do meno favorev­ole del­l’an­no. Tra l’al­tro le bar­riere — che sara­no messe in acqua alla fine del­la prossi­ma set­ti­mana — sono state mod­ifi­cate, per ren­der­le anco­ra più effi­caci. Non è poi esclu­so che la col­lo­cazione sia coor­di­na­ta con i lavori di creazione del nuo­vo lun­go­la­go (gra­zie allo scari­co a lago del mate­ri­ale del tun­nel in Garde­sana). Se infat­ti la pro­tezione anti­s­chi­u­ma sarà effi­ciente, bisogn­erà pur pen­sare di ren­der­la defin­i­ti­va, armo­niz­zan­dola con tut­ta la spon­da che le sta attorno.