Un pescatore, Antonio Ragnolini, l’ha trovata mentre setacciava il lago con una rete. C’era anche la Gary Fisher con cui fu vinto l’oro olimpico di Sidney 2000

Ritrovata la bici d’oro di Paola Pezzo

06/09/2007 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
B.B

Due prezio­sis­sime bici­clette con cui Pao­la Pez­zo ha vin­to le Olimpia­di di Syd­ney del 2000 sono state resti­tu­ite dal lago, nel gol­fo di Gar­da, impigli­ate tra le maglie del­la rete di un pesca­tore che sta­va inseguen­do una tinca.Il 27 agos­to Anto­nio Rag­no­li­ni, che abi­ta in paese, sta­va pes­can­do vici­no al por­to quan­do ha sen­ti­to qual­cosa «opporre resisten­za». Così ave­va «cat­tura­to» le due bici­clette. Bici che, alle 11,45, ha imme­di­ata­mente deposi­ta­to al coman­do del­la polizia locale del Comune di Gar­da. Il ritrova­men­to era sta­to comu­ni­ca­to dai vig­ili ai di Bar­dolino, che era­no risal­i­ti alla denun­cia del­la Pez­zo la quale, a Bar­dolino, è tito­lare del negozio sporti­vo «Olympic Bike center».Sono due bici che ques­ta cam­pi­ones­sa di moun­tain bike, orig­i­nar­ia di Boscochiesan­uo­va ma oggi res­i­dente a Gar­da, ave­va usato alle Olimpia­di del 2000 in Aus­tralia. Una è la «Gary Fish­er» rosa con cui ave­va gareg­gia­to a Syd­ney, l’altra è pure una «Gary Fish­er» ma con una par­ti­co­lar­ità uni­ca al mon­do: «E’ prezio­sis­si­ma per­ché fat­ta in allu­minio leg­geris­si­mo ma è ricop­er­ta di una ver­nice di pol­vere d’oro che nem­meno l’acqua del lago in questi anni ha potu­to intac­care», spie­ga il suo com­pag­no, il bres­ciano Pao­lo Rosola.Le due bici­clette era­no state rubate nell’inverno del 2001 dal­la casa che la cop­pia sta­va costru­en­do a Gar­da. I due era­no fuori, ma, quan­do era­no rien­trati, ave­vano trova­to tut­to mes­so a soqquadro. «Sono felice che il lago ce le abbia ridate e che siano tor­nate a casa», com­men­ta la cam­pi­ones­sa. «Siamo grati del gesto di val­ore civi­co, che forse non tut­ti avreb­bero com­pi­u­to», ril­e­va Roso­la. «Cer­ta­mente sapre­mo dimostrar­gli la nos­tra riconoscenza».

Parole chiave: