Rubata a Peschiera del Garda la “casetta Bookcrossing dei libri dell’AVIS”

Parole chiave: -
Di Sergio Bazerla

Un fur­to che addo­lo­ra tut­ta la comu­nità civile di San Benedet­to di Lugana e che rat­trista tut­ta la comu­nità aril­i­cense dei dona­tori di sangue. Nel­la notte, nel par­co giochi di Via Loi, attiguo al cen­tro nata­to­rio, i ladri han­no ben pen­sato di asportare la caset­ta dei lib­ri del­l’ col­lo­ca­ta con grande apprez­za­men­to da parte dei tan­ti appas­sion­ati let­tori nel mag­gio 2018. Una azione vile e becera che ha davvero indig­na­to la intera comu­nità.

Un grave atto di vigli­ac­cheria di chi sente forte sapen­do di non essere vis­to — spie­ga a cal­do il pres­i­dente del­l’Avis Fioren­zo Zam­bel­li — e ci è giun­ta per pura casu­al­ità. Una azione davvero dep­re­ca­bile non tan­to e solo per la sparizione di un bene real­iz­za­to con tan­ta pas­sione dai volon­tari, ma soprat­tut­to uno stru­men­to di avvic­i­na­men­to gra­tu­ito alla cul­tura, alla cresci­ta intel­let­tuale anche di tan­ti ragazzi. Un bel servizio per le famiglie e la comu­nità. Ma noi ci diamo per vin­ti — con­tin­ua Zam­bel­li — tan­t’è che ci vogliamo riprovare col­lo­can­done una nuo­va. Del fat­to, anche se tar­di­va­mente, per­ché ne siamo venu­ti a conoscen­za con ritar­do, abbi­amo avvisato i ed anche la ammin­is­trazione comu­nale che a suo tem­po, nel­la pri­mav­era del 2018, quan­do sono state col­lo­cate le due casette, una nel capolu­o­go ed una a San benedet­to, ha avu­to parole di com­piaci­men­to e di con­sid­er­azione per la nos­tra inizia­ti­va.

Sono e siamo molto amareg­giati — con­clude il pres­i­dente del­l’Avis — ma vogliamo super­are l’a­marez­za e cred­er­ci anco­ra. Donare sangue e cer­care di fare cul­tura sono un binomio per noi impre­scindibile.”

Parole chiave: -