Oggi dovrebbe essere un giorno importante per l'aeroporto Gabriele d'Annunzio, perché la Ryanair annuncerà ufficialmente che lo scalo bresciano diventa la sua quarta base operativa europea

Ryanair promuove il «D’Annunzio»

28/02/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Sergio Mari

Oggi dovrebbe essere un giorno impor­tante per l’, per­ché la (la com­pag­nia aerea irlan­dese famosa per i voli su Lon­dra a prezzi strac­ciati, con preno­tazione diret­ta via Inter­net) annuncerà uffi­cial­mente che lo sca­lo bres­ciano diven­ta la sua quar­ta base oper­a­ti­va euro­pea (dopo Lon­dra, Dubli­no e Glas­gow) e l’u­ni­ca in Italia. Una bel­la notizia per la strut­tuta, già rifer­i­men­to di un vas­to baci­no di viag­gia­tori per Lon­dra, che in questo modo vedrà incre­mentare sen­si­bil­mente il vol­ume del movi­men­to passeg­geri, oggi com­p­lessi­va­mente attes­ta­to sulle 200 mila pre­sen­ze annue.Ryanair opera in Italia da poco meno di tre anni e il suo trand ha avu­to un’asce­sa incredibile,grazie alla polit­i­ca vin­cente dei bassi costi e del­la preno­tazione diretta,compresa quel­la di auto,alberghi e la sot­to­scrizione di even­tu­ali assicurazioni.Per la ver­ità l’opzione Mon­tichiari, pare­va tra­mon­ta­ta, poi gli irlan­desi — cui non fa di cer­to difet­to una accor­ta ges­tione pronta a cogliere ogni busi­ness di mer­ca­to — ci han­no ripen­sato, rite­nen­do il d’An­nun­zio sca­lo con gran­di pos­si­bil­ità di svilup­po, sia sul piano stret­ta­mente aero­por­tuale che su quel­lo del­l’in­cre­men­to di attiv­ità commerciale.Divenendo base oper­a­ti­va Mon­tichiari si tro­verebbe auto­mati­ca­mente col­le­ga­ta con gli altri aero­por­ti di inter­scam­bio europei,come Parigi,Francoforte,Salisburgo e Bruxelles,tanto che alcu­ni indi­cano nel­la quo­ta di un mil­ione di pas­sag­geri in tran­si­to nel prossi­mo anno una cifra non utopistica.