Era diventato uno degli incroci più pericolosi del basso Garda

S.Martino della Battaglia: inaugurata la rotatoria davanti al casello

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Era diven­ta­to uno degli incro­ci più peri­colosi del bas­so Gar­da. Per di più a ridos­so del casel­lo dell’A4 di Sirmione, uno dei più vul­ner­a­bili del­la del­la Lom­bar­dia ori­en­tale. Entra­ta in fun­zione da più di un mese ed inau­gu­ra­ta ieri mat­ti­na, la rota­to­ria di San Mar­ti­no del­la Battaglia è una di quelle opere più utili. Un’­opera sal­vavi­ta, come assi­cu­ra , asses­sore provin­ciale ai lavori pub­bli­ci: «Da quan­to la rota­to­ria è oper­a­ti­va, di inci­den­ti fino­ra non ce ne sono sta­ti». Anche se il traf­fi­co res­ta sem­pre ele­va­to, soprat­tut­to dopo l’inizia­ti­va di pochi giorni fa da parte del­la Prefet­tura di Verona (la notizia è sta­ta comu­ni­ca­ta sia dal sin­da­co di Sirmione, Mau­r­izio Fer­rari, sia da Paroli­ni) di far instal­lare il cartel­lo di indi­cazione del cen­tro di diver­ti­men­ti «» pro­prio all’us­ci­ta del casel­lo di Sirmione. Gli effet­ti? Dici­amo a dir poco dis­as­trosi. Per­ché migli­a­ia di veicoli che pri­ma sareb­bero usci­ti a Peschiera per diriger­si ver­so gli acqua­park verone­si e Garda­land, ora invece intaser­an­no la frag­ile stra­da provin­ciale 13 e la tan­gen­ziale per Sirmione, per man­dare in tilt la statale 11 fino a Peschiera. La deci­sione ha manda­to su tutte le furie Fer­rari che dovrà ora fati­care non poco per far togliere quel cartel­lo. «Quan­to alla nuo­va rota­to­ria, che si estende su una super­fi­cie di 4 mila mq., è costa­ta cir­ca 336 mila euro ed è sta­ta real­iz­za­ta gra­zie ad un accor­do di pro­gram­ma sot­to­scrit­to tra Provin­cia, Comune di Desen­zano e Soci­età Autostra­da Bres­cia-Pado­va. L’im­peg­no finanziario è sta­to di 103 mila euro per cias­cun ente. Da notare che fu la pas­sa­ta giun­ta Anel­li a met­tere mano al portafoglio. Infine, la real­iz­zazione e la futu­ra manuten­zione delle aiuole e delle piante è a cura del­la Soci­età ». «I nos­tri inter­ven­ti — ha det­to Paroli­ni — sono sta­ti det­tati dal­l’e­si­gen­za di garan­tire mag­gior sicurez­za e di pre­venire quin­di gli inci­den­ti: come sti­amo ver­i­f­i­can­do con la rota­to­ria del casel­lo di Sirmione. Vi sono altre analoghe situ­azioni, come Padenghe e Maner­ba, che stan­no miglio­ran­do la via­bil­ità gen­erale». Al taglio del nas­tro sono inter­venu­ti anche l’asses­sore provin­ciale Enri­co Mat­tin­zoli, i sin­daci di Desen­zano e Poz­zolen­go, il coman­dante del­la Pol­stra­da di Desen­zano Clau­dio Sas­si, il coman­dante dei Cc, cap. Francesco Pec­o­raro, il coman­dante del­la Polizia Urbana ten. Car­lal­ber­to Pres­ic­ci e il tito­lare del­l’im­pre­sa costrut­trice Adri­ano Antonutti.

Parole chiave: