È tempo di bilanci per la rassegna commerciale di Lonato penalizzata dal clima. Fiera, il maltempo ha guastato la festa. Buoni risultati per il «Treno del gusto» con l’assaggio di prodotti tipici

Sabato l’ultimo appuntamento al Palasport con la boxe

20/01/2004 in Attualità
Di Luca Delpozzo
r.d.

Il mal­tem­po si è decisa­mente accan­i­to con­tro la 46ª edi­zione del­la che ha chiu­so i bat­ten­ti l’altra sera, dopo tre giorni di un ric­co palinses­to di inizia­tive di con­torno. La piog­gia purtrop­po ha penal­iz­za­to sia la mat­ti­na­ta dell’inaugurazione che la domeni­ca, ovvero la gior­na­ta clou per i vis­i­ta­tori. Suc­ces­so pieno però per il Treno del gus­to che ha avu­to tra i viag­gia­tori lo stes­so sin­da­co di Lona­to, Moran­do Peri­ni. Il viag­gio si di un vec­chio con­voglio stori­co con car­rozze d’epoca dalle stazioni di Lona­to, di Peschiera e ritorno, con l’assaggio di del ter­ri­to­rio (salu­mi, grana padano, salame Dop di Poz­zolen­go) insieme con la degus­tazione dei vini delle Can­tine del Gar­da è sta­ta un’idea vin­cente. «Anco­ra pri­ma dell’inizio del­la fiera — esor­disce Peri­ni — era­no già sta­ti ven­du­ti cir­ca 800 bigli­et­ti, alla fine del­la man­i­fes­tazione, dei 1200 disponi­bili, ne sono rimasti inven­du­ti solo una venti­na. Il suc­ces­so è arriva­to anche gra­zie al lavoro svolto dal­la Pro loco, dall’associazione Lacus, dal servizio di cater­ing. L’esperimento sicu­ra­mente potrà essere ripreso e svilup­pa­to per il futuro, non nec­es­sari­a­mente solo in occa­sione del­la Fiera, sen­za però inflazionarlo». «Nel com­p­lesso la Fiera, la quar­ta di questo ciclo di rifon­dazione dell’evento — con­tin­ua il sin­da­co — ha regala­to alcune grosse sod­dis­fazioni. L’essere rius­ci­to a coin­vol­gere in pieno non solo il comi­ta­to orga­niz­za­tore ma anche i com­mer­cianti, le mas­saie con le torte, i sem­pli­ci cit­ta­di­ni che han­no offer­to del volon­tari­a­to, le asso­ci­azioni, i cir­coli cul­tur­ali. Insom­ma, è tor­na­ta ad essere la fiera dei lonate­si. Va aggiun­to che il comi­ta­to ha pien­amente capi­to la svol­ta, ha lavo­ra­to sodo e ha dimostra­to di essere sem­pre più pro­fes­sion­ale». Un’altra con­fer­ma del rilan­cio del­la rasseg­na è sta­to il ritorno delle mac­chine agri­cole. Gli espos­i­tori sono risal­i­ti in pochi anni da 4 a 35, con 25 aziende rap­p­re­sen­tate. Otti­mi anche i risul­tati di parte­ci­pazione nelle man­i­fes­tazioni sportive: oltre 800 ai «Quater pas» (la gara podis­ti­ca che ha com­pi­u­to il suo 20° com­plean­no), 230 alla Cam­mi­na­ta intorno alla Roc­ca e un finale di suc­ces­so anche il tor­neo nazionale di cal­cio, cat­e­gorie Esor­di­en­ti che ha vis­to il con­fron­to fra le rap­p­re­sen­ta­tive del Chie­vo e del Par­ma. Sod­dis­fazione inoltre per l’esposizione «Qui Lona­to» cura­ta dal­la locale asso­ci­azione dei Com­mer­cianti pre­siedu­ta da Mario Pace e il padiglione vena­to­rio con la sua inter­es­sante ricostruzione dei prin­ci­pali ambi­en­ti nat­u­rali bres­ciani. Penal­iz­za­ta dal mal­tem­po la pre­sen­za dei car­ri delle frazioni Cam­pagna, San Cipri­ano e l’allestimento rurale degli Ami­ci di San Toma­so. La Fiera di Lona­to ris­er­va comunque un ulti­mo appun­ta­men­to per saba­to 24 gen­naio alle 20.30 con un incon­tro di pugi­la­to al Palas­port di via Regia Anti­ca in col­lab­o­razione con la Boxe Lumez­zane Fbs.