Sagra del 5 de Agosto a Colà di Lazise

03/08/2014 in Attualità, Sagre
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

Colà. Quat­tro giorni di fes­ta per l’an­ti­ca sagra del­la Madon­na del­la Neve a Colà, pro­prio nel­la zona anti­s­tante l’omon­i­mo san­tu­ario. E’ anche conosci­u­ta dal grande pub­bli­co come la “Sagra del 5 de Agos­to” per­ché è la ricor­ren­za litur­gi­ca del­la Madon­na.

L’aper­tu­ra uffi­ciale del­la sagra è cal­en­dariz­za­ta per saba­to 2 agos­to alle 19,30 con l’aper­tu­ra dei chioschi gas­tro­nomi­ci dis­lo­cati in local­ità Madon­na dove opera l’as­so­ci­azione Gens Clau­dia, in piaz­za Don Van­ti­ni con Le Sgal­mare ed anco­ra alla Madon­na del­la Neve con il grup­po . Ed è ovvi­a­mente pres­so gli stands gas­tro­nomi­ci  che si può degustare il piat­to tipi­co di Colà , prepara­to da più di due sec­oli nel­la medes­i­ma maniera: l’ana­tra col pien. Un vero must per la cuci­na tipi­ca del­l’en­troter­ra garde­sano soprat­tut­to per  Colà.

E nel­la ser­a­ta tut­ti in pista con l’orches­tra Zodi­a­co band.

Sono 23 anni che la nos­tra asso­ci­azione , Gens Clau­dia, — spie­ga il pres­i­dente Gior­gio Mon­tre­sor — coor­di­na asso­ci­azioni e volon­tari del paese per alle­stire, mod­i­fi­care, far fun­zionare benis­si­mo tut­ta l’or­ga­niz­zazione del­la fes­ta. Una fes­ta che è sen­ti­tis­si­ma non solo a Colà ma in tut­ti i cen­tri cir­con­vi­ci. L’af­flus­so di tan­ta gente è seg­no evi­dente che Colà e l’an­ti­ca sagra sono un rifer­i­men­to popo­lare. Del resto è nata sec­oli fa per ringraziare la madon­na del­la Neve dal sal­vatag­gio di gran parte del­la nos­tra popo­lazione da una pestilen­za trag­i­ca. Ed il ricor­do si per­pet­ua anco­ra. Oggi con la fes­ta.”

Domeni­ca 3 agos­to alle 9 ed alle 10,30 san­ta mes­sa nel­la chieset­ta del­la Madon­na del­la Neve e nel­la ser­a­ta intrat­ten­i­men­to musi­cale con Orches­tra band. Lune­di invece sarà di sce­na la band di Antonel­la Mar­che­t­ti.

Gior­na­ta clou è mart­edì 5 agos­to con la san­ta mes­sa solenne con­cel­e­bra­ta  con tut­ti par­ro­ci del­la zona e con quan­ti han­no gesti­to pas­toral­mente la par­roc­chia di Colà, nel­la chieset­ta del­la madon­na del­la Neve. Rin­fres­co sot­to la ten­sostrut­tura. Grande ser­a­ta musi­cale con l’orches­tra Rober­ta Band, spet­ta­co­lo pirotec­ni­co offer­to dal par­co ter­male Vil­la dei Cedri.

Per tut­ta la dura­ta del­la sagra saran­no pre­sen­ti un nutri­to luna park, le ban­car­elle socio-uman­i­tarie gestite dalle asso­ci­azioni di volon­tari­a­to.

Com’è ormai tradizione — con­clude Gior­gio Mon­tre­sor — alla fine del­la sagra, dopo i dovu­ti con­teg­gi finali, sicu­ra­mente provved­er­e­mo, come per il pas­sato, a con­seg­nare a chi è sta­to meno for­tu­na­to di noi qualche con­trib­u­to di sosteg­no. Anche questo fa parte del­la tradizione e del­la gen­erosità dei cola­ti­ni.”

Ser­gio Baz­er­la

Parole chiave: