A Desenzano un convegno promosso dall’ospedale di Manerbio

Sale operatorie, migliorare si può

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
n.s.

Nel­la san­ità del ter­zo mil­len­nio le sale oper­a­to­rie rap­p­re­sen­tano un para­metro di effi­cien­za del­la strut­tura ma anche un del­i­ca­to pun­to di ges­tione delle risorse. Par­tendo da questo pre­sup­pos­to medici, ammin­is­tra­tori e infer­mieri di diver­sa prove­nien­za e for­mazione si con­fron­ter­an­no per cer­care di trac­cia­re linee di con­dot­ta omo­ge­nee e ripro­ducibili. L’occasione sarà un con­veg­no orga­niz­za­to oggi pomerig­gio nell’aula magna di Desen­zano, su inizia­ti­va del dot­tor Francesco Puc­cio pri­mario del­la sec­on­da divi­sione di Chirur­gia dell’ospedale di Maner­bio. «Il con­teni­men­to del­la spe­sa san­i­taria cos­ti­tu­isce uno degli obbi­et­tivi fon­da­men­tali fis­sati dal­la — spie­ga Puc­cio -. Questo obbi­et­ti­vo deve essere rag­giun­to sen­za penal­iz­zare la qual­ità del servizio, ma inter­ve­nen­do sug­li sprechi, sul con­trol­lo e sull’ orga­niz­zazione delle risorse. «Il bloc­co oper­a­to­rio è cer­ta­mente uno dei cen­tri di cos­to più dif­fi­cili da gestire per la molteplic­ità dei sogget­ti imp­ie­gati ma anche per la com­p­lessità delle risorse quo­tid­i­ana­mente uti­liz­zate. L’odierno con­veg­no vuole essere un momen­to di con­fron­to costrut­ti­vo». I lavori del con­veg­no dal tito­lo «Con­trol­lo di ges­tione in sala oper­a­to­ria », saran­no aper­ti alle 14 da Ange­lo Fos­chi­ni, diret­tore gen­erale dell’Azienda ospedaliera di Desen­zano. Francesco Puc­cio, in veste di mod­er­a­tore pre­sen­terà i temi del­la tavola roton­da che pros­eguirà con una serie d’interventi di medici, chirurghi, man­ag­er san­i­tari ed esper­ti prove­ni­en­ti da tut­ta Italia. Un qual­i­fi­ca­ta car­rel­la­ta sulle esi­gen­ze e le soluzioni legate all’organizzazione dei bloc­chi oper­a­tori. La sec­on­da parte del con­veg­no sarà coor­di­na­ta dal Alfon­so Castel­lani, diret­tore san­i­tario dell’Azienda garde­sana. L’inizitiva si riv­olge a medici e infermieri.

Parole chiave: