Dopo la conclusione della rassegna della Civica raccolta del disegno, oggi 9 gennaio, a Salò (ore 16, nel Fondaco di Palazzo Coen), verrà inaugurata la mostra di pittura di Ferdinando Bellorini

Salò, gli affreschi etruschi sono al centro della mostra

09/01/2004 in Manifestazioni
Di Luca Delpozzo
s.z.

Dopo la con­clu­sione del­la rasseg­na del­la Civi­ca rac­col­ta del dis­eg­no, oggi 9 gen­naio, a Salò (ore 16, nel Fon­da­co di Palaz­zo Coen), ver­rà inau­gu­ra­ta la mostra di pit­tura di Fer­di­nan­do Bel­lori­ni, ded­i­ca­ta agli affres­chi del­la necrop­oli di Tar­quinia. Rimar­rà aper­ta fino al 24 gen­naio, con i seguen­ti orari: 16–19 dal lunedì al ven­erdì; saba­to e domeni­ca anche dalle 10 alle 12. Ingres­so libero. La necrop­oli etr­usca, che si estende per cir­ca 750 ettari in local­ità Mon­tarossi, è a tre chilometri dal­l’abi­ta­to di Tar­quinia. Viene con­sid­er­a­ta una delle più impor­tan­ti, essendo ric­ca di tombe a cam­era con dec­o­razioni. Le immag­i­ni riprodotte ten­dono a ricostru­ire intorno alla figu­ra del defun­to scene che si riferiscono alla sua vita quo­tid­i­ana, qua­si a vol­er sot­to­lin­eare la con­ti­nu­ità oltre la morte. Bel­lori­ni pre­sen­terà gli affres­chi delle tombe del cac­cia­tore, dei gio­col­ieri, del­la pul­cel­la, del­la fustigazione, del fiore di loto, delle leonesse, dei Gor­goni, dei Caron­ti, dei leop­ar­di, delle bac­can­ti, del­la cac­cia e pesca.