Consegnati i soldi raccolti dai ristoratori bresciani per le vittime delle Twin Towers

Salò-New York, gemellaggio fra solidarietà e gastronomia

16/02/2002 in Avvenimenti
A Salò
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Salò

Ben 40.120 euro (cir­ca 78 mil­ioni di vec­chie lire) è la cifra con­seg­na­ta la set­ti­mana scor­sa a New York alle famiglie degli chef per­i­ti nell’attentato alle Twin Tow­ers l’11 set­tem­bre scor­so. La som­ma, rac­col­ta nel cor­so di una ser­a­ta orga­niz­za­ta a Vil­la Alba di Gar­done Riv­iera il 3 novem­bre, è sta­ta por­ta­ta da Ange­lo Dal Bon, respon­s­abile del Comi­ta­to di «Salò­golosa» e tito­lare del­la «Cam­pag­no­la», a Michael Lomona­co, chef dei numerosi ris­toran­ti del Wtc, fonda­tore del fon­do «Win­dow of Hope», scam­pa­to al dis­as­tro per una coin­ci­den­za mira­colosa: quel­la mat­ti­na si fer­mò dal­l’ot­ti­co per riparare gli occhiali, e il ritar­do gli salvò la vita. La cer­i­mo­nia si è svol­ta in due luoghi stra­or­di­nari: all’ho­tel «Penin­su­la» e poi al «Le Cirque», il più noto ris­torante del­la cit­tà. Alla pre­sen­za di Mau­ro Mac­cioni, figlio di Sirio, patron del locale, Lomona­co non ha saputo trat­tenere la com­mozione e, con le lacrime agli occhi, ha ringrazi­a­to Dal Bon e tut­ti quan­ti han­no col­lab­o­ra­to alla rac­col­ta dei 40.120 euro con una frase indi­men­ti­ca­bile, metà in ital­iano e metà in inglese: «Ma dove siete sta­ti fino adesso, per­chè non vi ho conosci­u­to pri­ma?». Alla ser­a­ta ha parte­ci­pa­to anche mon­sign­or Anto­nio Dal­la Vil­la, ret­tore per 21 anni del­la cat­te­drale di Saint Patrick in New York, valsab­bi­no di orig­i­ni, mor­to il giorno suc­ces­si­vo per un attac­co di cuore durante la mes­sa di mez­zo­giorno. Non sono man­cate le tele­camere di Rai Inter­na­tion­al, coor­di­nate dal gior­nal­ista Raf­fael­lo Sinis­calchi. Il servizio ver­rà trasmes­so negli Sta­ti Uni­ti e, suc­ces­si­va­mente, in tut­to il mon­do, dan­do risalto sia alla gen­erosità degli abi­tan­ti di pic­coli cen­tri come Salò, Gar­done Riv­iera o del­la Valle Sab­bia, sia alla labo­riosità, all’af­fi­ata­men­to e all’am­i­cizia dei 18 ris­tora­tori bres­ciani impeg­natisi nel­l’alles­ti­men­to del­la cena di Vil­la Alba, che ai tesori enogas­tro­nomi­ci del­la zona, come il Grop­pel­lo, il Chiaret­to, il Bagoss o i cap­peri, che era­no in tavola durante il pran­zo uffi­ciale a New York. Lomona­co ha poi spie­ga­to che sono 75 le famiglie degli chef coin­volti nel dis­as­tro, e 105 ragazzi rimasti orfani. A questi ulti­mi ver­ran­no ind­i­riz­zate tutte le atten­zioni del Fon­do. All’inizio ogni famiglia ricev­erà 30 mila dol­lari, in tre rate, poi le atten­zioni saran­no ind­i­riz­zate ver­so gli orfani, allo scopo di aiu­tar­li negli stu­di. Lo scopo è di sosten­er­li per ven­t’an­ni, il tem­po nec­es­sario per con­seguire una lau­rea o quan­tomeno un diplo­ma. Lo chef ha espres­so l’in­ten­zione di venire per­sonal­mente in Italia per ringraziare tut­ti i ris­tora­tori che han­no con­tribuito a rac­cogliere le offerte, e di vol­er parte­ci­pare con tut­to il suo staff a una delle man­i­fes­tazioni di «Sal­o­golosa». Con­sol­ida­to quin­di il fra New York e l’even­to enogas­tro­nom­i­co che si svolge nel cen­tro stori­co di Salò, in case pri­vate, palazzi stori­ci, bel­lis­sime ter­razze, dove cibi, vini, e musiche si fon­dono per dare vita a una ser­a­ta indi­men­ti­ca­bile (prossi­mo appun­ta­men­to il 16 mag­gio). Il viag­gio negli States è sta­to reso pos­si­bile da un paio di spon­sor: Rober­to Giun­tel­li (Ras assi­cu­razioni) e G.a.r.d.a. Food Wine, neona­ta soci­età per la com­mer­cial­iz­zazione di prodot­ti ali­men­ta­ri di qual­ità. Da men­zionare anche «Il pic­co­lo grill» di Portese, la «Tav­er­na Pice­do» di Polpe­nazze, la «Trat­to­ria Belvedere» di Gar­done, il «Par­gone», il «Lep­an­to», il «Tip tap», la «Tav­er­na Flo­ri­ana», la «Sire­na», la «Cam­pag­no­la» e il «Mel­o­gra­no» di Salò, «Mira­mon­ti l’al­tro» di Con­ce­sio, «Il volto» di Iseo, «Agri­t­ur­is­mo Tre­visani» di Sopra­zoc­co, «Oste­ria Tre Can­tù» di Ser­le, «Tre Vigne» di Napa Val­ley, il Mer­ca­to cop­er­to di Enri­co Bra­ga a Gavar­do, le pas­tic­cerie Vas­sal­li e Di Novo, i capri­ni di Valper­sane, gli stra­or­di­nari oli del­la Valtenesi.

Parole chiave: -

Commenti

commenti