San Martino in Calle: una onlus per chi ha bisogno

05/03/2017 in Attualità
Parole chiave:
Di Sergio Bazerla

Nasce­va ven­ti anni l’as­so­ci­azione San Mar­ti­no in Calle e di stra­da ne ha fat­ta tan­ta. “Siamo par­ti­ti in sor­di­na, qua­si per scher­zo — sot­to­lin­ea la pres­i­dente Maria Fiorel­la Azza­li — per recu­per­are una anti­ca fes­ta patronale ormai in dis­u­so. In Calle pri­ma, fra com­mer­cianti e cit­ta­di­ni per fare un  di fes­ta. E da li invece è par­ti­ta una onlus che oggi con­ta 178 soci e che ogni giorno è sem­pre più impeg­na­ta per sostenere chi ha bisog­no -”

Una sto­ria di pochi lus­tri, nata con una quindic­i­na di soci e che oggi da lus­tro al paese ed al grande mon­do del volon­tari­a­to.

Non pos­so che com­pli­men­ta­r­mi con tut­ti voi — ha esor­di­to il sin­da­co Luca Sebas­tiano all’assem­blea del sodal­izio — per­chè i dati che ci avete appe­na espres­so sono stra­bilianti. 1113 viag­gi agli ospedali del nos­tro com­pren­so­rio, fra cui quel­li di Bor­go Roma e Bor­go Tren­to e Negrar sono da pri­ma­to. Sol­i­da­ri­età e sosteg­no a chi è meno for­tu­na­to ed ha bisog­no di assis­ten­za è deg­no di sot­to­lin­ea­tu­ra e di nota, seg­no che la nos­tra comu­nità sa cogliere i val­ori più veri del­la con­viven­za.”

Intel­li­gen­za e cuore ver­so le per­sone sono il migliore seg­nale di con­viven­za di una comu­nità — ha sot­to­lin­eato il par­ro­co Don Achille Boc­ci — per­chè è lo spir­i­to cris­tiano che emerge e che fa vivere deg­na­mente una comu­nità anche dal pun­to di vista del­la con­viven­za civile.”

74 sono state le per­sone che nel cor­so del 2016 han­no fruito sei servizi del­la San Mar­ti­no in Calle, sud­di­visi in 30 a Lazise, 35 a Colà e 9 a Pacen­go. Una deci­na sono gli autisti volon­tari che si ded­i­cano al servizio di trasporto ver­so gli ospedali del­la zona con due mezzi del­l’as­so­ci­azione e due posti a dis­po­sizione dal­la ammin­is­trazione comu­nale per i  dis­abili.  46 invece le per­sone che han­no fruito dei presti­ti dei sus­si­di san­i­tari fra tripo­di, stam­pelle, car­rozzelle, soll­e­va­tori e i tre let­ti spe­ciali per malati gravi.

Ma la nos­tra attiv­ità non si è lim­i­ta­ta ai soli inter­ven­ti a favore dei cit­ta­di­ni — ha sot­to­lin­eato la pres­i­dente Maria Fiorel­la Azza­li — ma ha spazi­a­to anche altrove. Abbi­amo sostenu­to con oltre 20.000 euro altre asso­ci­azioni di volon­tari­a­to. Nel­lo speci­fi­co Suor Bruna Imel­da Sabai­ni, mis­sion­ar­ia in Ango­la per il prog­et­to lat­te pedi­atri­co, Don Bruno Pozzetti de La Nos­tra casa di Peschiera, il Cen­tro Aiu­to Vita di Bar­dolino ed Amo -Gar­da di Bar­dolino.  Oltre a tre adozioni a dis­tan­za.”

Sosten­gono finanziari­a­mente l’at­tiv­ità del­la San Mar­ti­no in Calle le offerte del 5 per mille, il sosteg­no di alcu­ni bene­fat­tori, una con­ven­zione con il comune di Lazise, devoluzioni di famiglie che han­no subito lut­ti e che nel cor­so dei funer­ali sta­bilis­cono che le rac­colte offer­to­ri­ali siano des­ti­nate alla onlus lacisiense.

 

Parole chiave: