Oggi il grande spettacolo di fuochi che conclude le celebrazioni e dà il via ai restauri della chiesa

San Martinochiude la festae anche le porte

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
G.B.

La chiesa di San mar­tinoCon una gior­na­ta den­sa di avven­i­men­ti Peschiera si prepara a chi­ud­ere oggi i fes­teggia­men­ti per il patrono San Mar­ti­no iniziati saba­to scorso.A par­tire dalle 14 e sino alle 22 le piazze del cen­tro stori­co ospit­er­an­no mer­ca­ti­ni di man­u­fat­ti artis­ti­ci e banchet­ti con la dis­tribuzione di cal­dar­roste, , dol­ci e cioc­co­la­ta calda.La medes­i­ma cosa sarà ripetu­ta anche al Cir­co­lo sociale pen­sion­ati «Aril­i­ca» (in viale delle Rimem­branze) e nel­la sede del­la sezione degli , nel­la Pal­le­ria di Por­ta Verona.Dalle 9.30 alle 12 e dalle 15 alle 20 pesca di benef­i­cen­za nel­la sala par­roc­chiale di via Bergami­ni dove alle 17 sarà effet­tua­ta l’estrazione del­la «Lot­te­ria di San Martino».Alle 18.30 nel­la par­roc­chiale del cen­tro stori­co ded­i­ca­ta al san­to sarà cel­e­bra­ta la mes­sa pre­siedu­ta da mon­sign­or Fran­co Fio­rio, provi­cario gen­erale del­la dio­ce­si di Verona. Ter­mi­na­ta la fun­zione reli­giosa tut­ti con gli occhi riv­olti al ponte dei Voltoni che alle 20 farà da sfon­do al tradizionale spet­ta­co­lo piro­mu­si­cale al ter­mine del quale saran­no accese le lumi­nar­ie di Natale.La mes­sa di oggi pomerig­gio seg­na anche una data par­ti­co­lare per la chiesa di San Mar­ti­no: dopo la cel­e­brazione, infat­ti, l’edificio reli­gioso rimar­rà chiu­so al pub­bli­co per accel­er­are i tem­pi dei lavori di mes­sa a nor­ma degli impianti e di restau­ro inter­no in cor­so da alcu­ni mesi.«Da alcu­ni giorni è sta­to tolto parte del pon­teg­gio cen­trale e questo ha reso vis­i­bile la vol­ta già com­ple­ta­mente restau­ra­ta», spie­ga il par­ro­co, don Vale­rio Cantarini.«L’obiettivo fis­sato è quel­lo di ter­minare tut­to pri­ma di Natale. Più pre­cisa­mente, se la dit­ta rispet­terà i tem­pi, dovrem­mo pot­er tornare a cel­e­brare le sante messe qui in chiesa dal 20 dicem­bre. Nel frat­tem­po», annun­cia don Can­tari­ni, «uti­lizzer­e­mo per le fun­zioni la sala par­roc­chiale Pao­lo VI».

Parole chiave: -