Sul Garda feste in discoteca per tutti i gusti e due battelli per brindare in mezzo al lago

San Silvestro

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Lago di Garda

sul lago non ha mai tra­di­to. Il fas­ci­no delle luci che si spec­chi­ano nelle acque del Gar­da, le moton­avi pavesate a fes­ta che si stac­cano dal por­to di Desen­zano, le decine di dis­coteche e locali aper­ti fino all’alba, un’ec­cel­lente offer­ta di piano-bar, dis­co bar, pizzerie e pub rap­p­re­sen­tano sem­pre il piat­to forte per i fans di San Sil­ve­stro. Una scelta di pro­poste sec­on­da solo alla riv­iera romag­no­la. Ecco per­chè stasera le pre­vi­sioni saran­no rispet­tate. Pienone dap­per­tut­to, quin­di. Per un cenone in un ris­torante si pos­sono spendere tra i 60 e i 100 euro, a sec­on­da del menù e dei vini del­la can­ti­na. Meglio preno­tare per evitare sor­p­rese. A Gar­done Riv­iera, tra i locali aper­ti abbi­amo il ris­torante Cas­inò con un il cenone clas­si­co al prez­zo di 75 euro cir­ca. A Salò è più ampio il ven­taglio di locali e trat­to­rie che rester­an­no aper­ti per San Sil­ve­stro, molti di meno invece gli alberghi che pre­sen­tano il cenone (il «Duo­mo» e pochissi­mi altri). Arrivati nel bas­so lago, invece, c’è solo l’im­baraz­zo del­la scelta, anche se gli alberghi si con­tano sulle dita di una mano: «Non più del 20% quel­li aper­ti», osser­va il pres­i­dente del Con­sorzio Alber­ga­tori, Save­rio Zil­iani. Ad esem­pio, il Park Hotel del­la famiglia Ceri­ni non tradisce la tradizione del clas­si­co veg­lione con cena e musi­ca. I prezzi: dai 50 ai 100 euro a tes­ta. La — anche qui ci tro­vi­amo davan­ti ad una tradizione con­sol­i­da­ta nei decen­ni — ripro­pone la sug­ges­ti­va crociera nel lago a bor­do delle due moton­avi gemelle, «Tonale» e «Bren­nero», che trasporter­an­no oltre 600 per­sone. Gli ormeg­gi saran­no mol­lati stasera alle 21.30, quin­di giro sul lago fino alle 3, rien­tro al por­to e sos­ta per un’al­tra ora. Tut­to esauri­to da cir­ca 10 giorni. Ric­ca l’of­fer­ta delle dis­coteche e dei piano bar. Il Dehor di Lona­to (ex Genux) pro­pone un cenone con inizio alle 21, poi alle 23.30 mar­cia di avvic­i­na­men­to al cin cin di mez­zan­otte con i Fichi d’In­dia: 45 euro sen­za cenone. Nel cen­tro stori­co di Desen­zano qua­si tut­ti i locali di ten­den­za sono aper­ti. Il dis­co bar Cir­cus, con dance music a com­in­cia­re dalle 23, il Caf­fè Italia con un cenone a par­tire dalle 20.30 in com­pag­nia di musi­ca live offer­ta da Mau­r­izio Dane­si, il Baraon­da con l’ot­ti­ma musi­ca del com­p­lesso Cuba Livre dalle 22.30 in poi (ingres­so, tra i 20 e i 30 euro), il Biblò Club con ingres­so alle 22.30, buf­fet e musi­ca tut­ta la notte (ingres­so, 40 euro com­pre­sa con­sumazione). E anco­ra, per una not­ta­ta trasgres­si­va ci sono il Desigual (Lona­to), il Mazoom, tem­pio del­la musi­ca per gio­vanis­si­mi, l’Art Club alla Per­la, che pro­pone l’aper­tu­ra alle 21.30, quin­di la cena con preno­tazione obbli­ga­to­ria, ingres­so alla mez­zan­otte al prez­zo di 25 euro (in questo caso non serve la preno­tazione): bal­do­ria assi­cu­ra­ta fino alle 9 di domani. Segue il Club con cenone (ingres­so alle 21.30) al prez­zo di 50 euro e, dopo la mez­zan­otte, si entra con 30 euro (donne) e 40 euro (uomi­ni), poi il Fura di Lona­to (ingres­so, 25 euro e 10 euro per con­sumazione) che pro­pone un’an­i­mazione con 25 bal­leri­ni-attori e i dj Mikele Meni­ni e Mad. Per gli aman­ti del lis­cio l’i­nos­sid­abile Kur­saal di Lugana di Sirmione o il Capret­ti di Cal­ci­na­to, e, novità asso­lu­ta di quest’an­no, la sala Bin­go (a Lugana), aper­ta tut­ta la notte. 

Parole chiave: -