Castellani del Chiaretto hanno provveduto, nei gironi scorsi, a selezionare i tre migliori chiaretti della vendemmia 1999:

Scelto il miglior Chiaretto

Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo
Luigi Del Pozzo

Men­tre a Moni­ga si sta svol­gen­do il Palio del Chiaret­to a Padenghe, pres­so la Locan­da San­ta Giu­lia i Castel­lani del Chiaret­to han­no provve­du­to, nei gironi scor­si, a selezionare i tre migliori chiaret­ti del­la vendem­mia 1999: Pasi­ni Pro­dut­tori, Cà Grande e Due Pini. Dei tre selezionati il Chiaret­to che ha ottenu­to il mag­gior pun­teg­gio è sta­to quel­lo del­la Pasi­ni di Raf­fa di Pueg­na­go che è sta­to di con­seguen­za elet­to Chiaret­to del­la Con­fra­ter­ni­ta dei Castel­lani per l’an­no 2000 con il priv­i­le­gio di essere il Chiaret­to uffi­ciale che accom­pa­g­n­erà tutte le inizia­tive enogas­tro­nomiche del­l’an­na­ta sociale in cor­so. Un risul­ta­to assai sod­dis­facente per i fratel­li Pasi­ni che vedono il loro prodot­to pre­mi­a­to e soprat­tut­to prescel­to fra 18 cam­pi­oni pre­sen­tati alla tradizionale selezione annuale che si ripete da ora­mai ven­t’an­ni. “Il vino di una notte” così è comune­mente chiam­a­to, in quan­to la sua mat­u­razione avviene nel mez­zo del­la notte, questo eccezionale prodot­to che ha vis­to pro­prio in Valte­n­e­si, e più pre­cisa­mente a Moni­ga del Gar­da, le prime sper­i­men­tazioni real­iz­zate dal sen­a­tore veneziano Pom­peo Mol­men­ti, anche se doc­u­men­ti rin­venu­ti di recente con­fer­mano una pro­duzione del “claret” sulle rive del Gar­da già parec­chi anni pri­ma delle sper­i­men­tazioni del Mol­men­ti. Par­ti­co­lar­mente apprez­za­to questo vino, che ha vis­to negli ulti­mi anni una cres­cente pro­duzione, nasce da uve San­giovese, Grop­pel­lo, Marzemi­no e Bar­bera. Col­ore chiaro, da cui il nome, con una fra­gran­za di pro­fu­mi di fiori e di frut­ta ed una eccezionale sapid­ità, va servi­to assai fres­co ad una tem­per­atu­ra com­pre­sa tra i 10 ed i 12°. Otti­mo con pri­mi piat­ti e carni bianche non dis­deg­na pesce (vedi rasseg­na del core­gone e pesce di lago) e dessert.

Parole chiave: - -