Castellani del Chiaretto hanno provveduto, nei gironi scorsi, a selezionare i tre migliori chiaretti della vendemmia 1999:

Scelto il miglior Chiaretto

Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo

Mentre a Moniga si sta svolgendo il Palio del Chiaretto a Padenghe, presso la Locanda Santa Giulia i Castellani del Chiaretto hanno provveduto, nei gironi scorsi, a selezionare i tre migliori chiaretti della vendemmia 1999: Pasini Produttori, Cà Grande e Due Pini. Dei tre selezionati il Chiaretto che ha ottenuto il maggior punteggio è stato quello della Pasini di Raffa di Puegnago che è stato di conseguenza eletto Chiaretto della Confraternita dei Castellani per l’anno 2000 con il privilegio di essere il Chiaretto ufficiale che accompagnerà tutte le iniziative enogastronomiche dell’annata sociale in corso. Un risultato assai soddisfacente per i fratelli Pasini che vedono il loro prodotto premiato e soprattutto prescelto fra 18 campioni presentati alla tradizionale selezione annuale che si ripete da oramai vent’anni. “Il vino di una notte” così è comunemente chiamato, in quanto la sua maturazione avviene nel mezzo della notte, questo eccezionale prodotto che ha visto proprio in Valtenesi, e più precisamente a Moniga del Garda, le prime sperimentazioni realizzate dal senatore veneziano Pompeo Molmenti, anche se documenti rinvenuti di recente confermano una produzione del “claret” sulle rive del Garda già parecchi anni prima delle sperimentazioni del Molmenti. Particolarmente apprezzato questo vino, che ha visto negli ultimi anni una crescente produzione, nasce da uve Sangiovese, Groppello, Marzemino e Barbera. Colore chiaro, da cui il nome, con una fragranza di profumi di fiori e di frutta ed una eccezionale sapidità, va servito assai fresco ad una temperatura compresa tra i 10 ed i 12°. Ottimo con primi piatti e carni bianche non disdegna pesce (vedi rassegna del coregone e pesce di lago) e dessert.

Luigi Del Pozzo
Parole chiave: - -

Commenti

commenti