Desenzano ospita la Coppa del mondo. Appuntamento dal 4 al 6 maggio

Scherma, in gara i campioni disabili

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Decisa­mente un suc­ces­so al di là delle aspet­ta­tive. Questo il com­men­to degli orga­niz­za­tori dell’Associazione «Vil­la dei Col­li» e «Han­d­i­amo 2001» alla gior­na­ta ded­i­ca­ta alle scuole di Desen­zano, di ogni ordine e gra­do, in occa­sione del­la pre­sen­tazione del­la tre giorni di Cop­pa del mon­do di schema in car­rozzi­na, che le due soci­età orga­nizzer­an­no dal 4 al 6 mag­gio. Cam­pi­oni del­lo sport dis­abili come Piera Loda, nazionale di sci alpino, atle­ta olimpi­oni­ca a Nagano 1998, pluri­cam­pi­ones­sa ital­iana e vincitrice in Cop­pa Europa in ques­ta sta­gione nel­la cat­e­go­ria non veden­ti. Mario Gatel­li, fres­co cam­pi­one ital­iano di doppio nel ten­nis slit­ting e l’atleta del sec­o­lo Alvise De Vidi, cinque medaglie, con tre ori, agli ulti­mi Giochi paraolimpi­ci di Syd­ney 2000, han­no incon­tra­to, nel­la palestra dell’Istituto «Cat­ul­lo» di Desen­zano, gli alun­ni di alcune scuole del­la cit­tad­i­na, rac­con­tan­do le loro sto­rie sportive e per­son­ali e pre­standosi a far avvic­inare i ragazzi alle dis­ci­pline sportive per diver­sa­mente abili, come ten­nis e atlet­i­ca leg­gera. Eccezionale la rispos­ta degli stu­den­ti, cor­ag­giosi e diver­ti­ti nel­lo sper­i­menta­re la nuo­va ver­sione «sedu­ta» dei loro sport prefer­i­ti e let­teral­mente impazz­i­ti nel chiedere l’autografo ai loro nuovi idoli sportivi. «Un prog­et­to impor­tante, una pri­ma ver­i­fi­ca del poten­ziale enorme che l’inserimento del mes­sag­gio sporti­vo per dis­abili può avere in ambito sco­las­ti­co. I ragazzi delle scuole, specie i più gio­vani, han­no curiosità, entu­si­as­mo e soprat­tut­to asso­lu­ta man­can­za di pregiudizi, san­no riconoscere nel dis­abile l’atleta e il cam­pi­one. E nelle scuole inizia­tive di questo genere avran­no sem­pre più spazio» è il com­men­to del pres­i­dente di «Han­d­i­amo», Pao­lo Con­te. Sod­dis­fazione ed entu­si­as­mo anche da parte del Comune di Desen­zano, in par­ti­co­lare dell’assessore allo Sport , il quale aus­pi­ca «una sem­pre mag­giore col­lab­o­razione con questo tipo di inizia­tive, per­ché è il pas­sag­gio obbli­ga­to ver­so una nuo­va cul­tura al riguar­do. Ques­ta ammin­is­trazione ha volu­to forte­mente queste man­i­fes­tazioni e con­tin­uerà a pro­muover­le per essere in pri­ma fila in ques­ta battaglia». Da sot­to­lin­eare, al mini­con­veg­no di Desen­zano, la pre­sen­za di tele­camere e inviati delle prin­ci­pali tes­tate sportive tele­vi­sive (Tele», Rais­port Sat ed altre emit­ten­ti region­ali), che sul­la scia del suc­ces­so di «Han­d­i­amo 2000» e dell’apertura del­la nuo­va sta­gione con la mez­za mara­tona di Bres­cia di inizio aprile, stan­no mostran­do sem­pre mag­gior inter­esse allo sport dei diver­sa­mente abili.

Parole chiave: