Il Consiglio comunale ha approvato il Piano per il diritto allo studio 2006-’07 E il costo della mensa scolastica resta a 3 euro, come nel 2001

Scuole, trasporto gratuito

29/09/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Il con­siglio comu­nale di Toscolano Mader­no ha approva­to all’u­na­nim­ità il Piano per il dirit­to allo stu­dio 2006-07. L’asses­sore ai e sco­las­ti­ci, Mar­cel­lo Beschi, ex pres­i­dente del­la locale squadra di cal­cio, spie­ga a propos­i­to del nuo­vo Piano per il dirit­to allo stu­dio che «i pun­ti fon­da­men­tali del­l’at­tiv­ità ammin­is­tra­ti­va di Toscolano Mader­no nel­l’am­bito del­la pub­bli­ca istruzione sono i seguen­ti: con­ti­nu­ità nel­la pro­mozione di cor­si di infor­mat­i­ca e lingue straniere, pres­so l’aula mul­ti­me­di­ale delle medie, nonchè la col­lab­o­razione con il Con­sorzio Gar­da For­mazione, per l’or­ga­niz­zazione di cor­si di ori­en­ta­men­to, qual­i­fi­cazione pro­fes­sion­ale, patenti­no di gui­da per ciclo­mo­tori e quan­t’al­tro pos­sa emerg­ere dalle richi­este; anco­ra il pros­egui­men­to nel­l’­opera di poten­zi­a­men­to delle attrez­za­ture esisten­ti; con­sulen­za per le famiglie dei minori che fre­quen­tano le scuole del­l’in­fanzia e del­l’ob­bli­go; totale gra­tu­ità sia del Cen­tro di aggregazione gio­vanile che del trasporto alun­ni; con­teni­men­to e abbat­ti­men­to delle rette di fre­quen­za delle mater­ne e delle sezioni nido degli asili; pos­si­bil­ità di iscrizione sen­za numero chiu­so alla men­sa e con­fer­ma del cos­to uni­tario del pas­to in tre euro, invari­a­to dal 2001-02 (inoltre con­tin­ua a lavo­rare la com­mis­sione, incar­i­ca­ta di val­utare la qual­ità dei pasti e del servizio eroga­to); col­lab­o­razione con l’Asl nel­la pre­dis­po­sizione e real­iz­zazione di prog­et­ti a favore di ragazzi in dif­fi­coltà; infine l’adesione e il finanzi­a­men­to di pro­gram­mi mirati alla pre­ven­zione del dis­a­gio e delle devianze nel mon­do gio­vanile». Queste le voci che, di fat­to, assor­bono il mag­gior impeg­no finanziario del Munici­pio di Toscolano Mader­no. Gli stanzi­a­men­ti rel­a­tivi all’at­tuazione del Piano 2006-07 ammon­tano a 304 mila euro. Sono 730 i bam­bi­ni e i ragazzi iscrit­ti alle quat­tro scuole mater­ne (pre­sen­ti a Mader­no, Toscolano, Gaino, Ceci­na), alle scuole ele­men­tari e alle Medie. Per quan­to riguar­da il trasporto, appal­ta­to alla dit­ta «Ere­di Cal­dana Domeni­co», il pullmi­no viene uti­liz­za­to da un centi­naio di alun­ni, ed è com­ple­ta­mente gra­tu­ito. Alla men­sa van­no una ses­san­ti­na di ragazzi delle Medie (per tre giorni alla set­ti­mana) e 120 delle Ele­men­tari (per cinque giorni), con pic­chi fino a 190 alun­ni. Sul­la tar­if­fa di 3 euro a pas­to si pos­sono chiedere riduzioni fino a un mas­si­mo del 60%, in base alla posizione Isee (red­di­ti & pat­ri­mo­nio famigliare). Il servizio è svolto dal­la Gama Ris­torante del grup­po Copra, che effet­tua la cot­tura nel cen­tro sociale di via Ver­di. Gra­zie all’ac­cor­do con la direzione didat­ti­ca, pros­egue l’es­pe­rien­za del­l’in­gres­so antic­i­pa­to dei bam­bi­ni delle Ele­men­tari fin dalle ore 7.45 del­la mat­ti­na, 45 minu­ti pri­ma rispet­to al nor­male orario di lezione. L’as­sis­ten­za è garan­ti­ta dal per­son­ale non docente, e le famiglie non devono pagare nul­la. Sarà ripro­pos­to il cor­so di for­mazione ded­i­ca­to ai gen­i­tori. Lo scopo è di fornire nuovi mezzi per com­pren­dere il modo di agire dei figli, e rap­por­tar­si col mon­do ester­no, al fine di pre­venire even­tu­ali cause di dis­a­gio. Il vicesin­da­co Rober­to Righet­ti­ni, che si occu­pa di Lavori pub­bli­ci, ha aggiun­to che l’uf­fi­cio tec­ni­co del Comune sta pre­dispo­nen­do il prog­et­to per il recu­pero del­l’ex edi­fi­cio delle Ele­men­tari di Gaino, chiuse nel 1997. La frazione col­linare è in pieno svilup­po. Dopo gli inse­di­a­men­ti real­iz­za­ti negli anni scor­si, si prospet­tano nuove oper­azioni di edilizia con­ven­zion­a­ta. Sul­la stra­da che por­ta a Foli­no e Cabi­ana, sorg­er­an­no infat­ti una venti­na di allog­gi. Per tacere del­la grande lot­tiz­zazione all’in­ter­no del­la piana. «L’onere per ristrut­turare il vec­chio immo­bile del­la scuo­la di Gaino dovrebbe aggi­rar­si su 250 mila euro — affer­ma Righet­ti­ni -. Spe­ri­amo di ottenere i finanzi­a­men­ti, in modo da con­sen­tire in futuro ai bam­bi­ni di Gaino di tornare a fre­quentare la loro vec­chia scuo­la, con gli stes­si servizi (men­sa e Cen­tro aggregazione gio­vanile) di quel­la del capoluogo».

Parole chiave: