Domani l'inaugurazione

Sei desenzanesi per Desenzano

Di Luigi Del Pozzo

Sei desen­zane­si per Desen­zano” è il tito­lo del­la ” Mostra-ret­ro­spet­ti­va, allesti­ta nel­la Gal­le­ria GB Bosio che ver­rà inau­gu­ra­ta domani, domeni­ca 24 novem­bre, ore 11. 00, e che rimar­rà aper­ta sino al 15 Dicem­bre 2013. Ad orga­niz­zarla è Asso­ci­azione “Noal­ter De La Ria Del Lac”, pre­siedu­ta da Alber­to Rigo­ni, che prende spun­to dal­la filosofia del sodal­izio “ Por­ti­amo la gente di Desen­zano a chi­ac­chier­are in Piaz­za (procu­ri­amo loro dei motivi vali­di) e fac­ciamo che i Desen­zane­si si rac­con­ti­no ai Desen­zane­si”.

Si con­tin­ua sul filone che prende lo spun­to dal­la filosofia che la nos­tra Asso­ci­azione “Noal­ter De La Ria Del Lac”, pre­siedu­ta da Alber­to Rigo­ni , ha fat­to pro­pria.

Ques­ta sec­on­da Mostra (dopo quel­la di Togaz­zari e T.Ferro) – spie­gano gli orga­niz­za­tori — vuole far conoscere alla cit­tad­i­nan­za sei per­sone che sono state per parec­chi anni dei “per­son­ag­gi ” che si vede­vano per le strade, sul­la diga, in piaz­za a dipin­gere o fotogra­fare per­sone e luoghi che ora, a guardar­li, ci fan­no a volte strin­gere il cuore ed altre volte venire la pelle d’o­ca per come erava­mo o per come, questi , sono sta­ti raf­fig­u­rati sul­la tela o con lo scat­to.

Dal­l’archiv­io stori­co di Ste­fano Avanzi ( uno dei per­son­ag­gi) sono state trat­te delle fotografie che “sono” la sto­ria di Desen­zano e del­la gente che ci abita­va, (una parte poi illus­tr­erà il Cal­en­dario Stori­co 2014 che anche quest’an­no l’As­so­ci­azione pre­par­erà).

Becca­los­si, Mor­gante, De Lai, Rizzetti e Bor­toli com­pon­gono invece il grup­po dei “pit­tori desen­zane­si”, di nasci­ta o di adozione, che han­no las­ci­a­to un seg­no, un gran bel ricor­do, tut­to­ra nel­la mente di parec­chi di noi desen­zane­si e non, e, a pen­sar­ci bene ora, anche “un vuo­to”.

Nel­la Mostra, cias­cuno dei per­son­ag­gi, è rap­p­re­sen­ta­to con pochi ma sig­ni­fica­tivi quadri che comunque bas­tano a far capire con quan­to amore essi dipingessero la realtà che allo­ra vede­vano e con che maes­tria ripor­tassero quel­lo che, con la loro sen­si­bil­ità, sen­ti­vano.

Ognuno in modo diver­so tra loro, ma sem­pre sen­si­bili alla bellez­za del nos­tro Lago e del­la nos­tra Desen­zano.

Nel­la Mostra ci saran­no anche alcune bel­lis­sime foto che un fotografo Aus­tri­a­co, Alois Beer, ha fis­sato nei prim­is­si­mi anni del 900 e che non sono qua­si mai state viste nei nos­tri pae­si (per gen­tile con­ces­sione del Mag di Riva d/G).