In vista del sigillo di garanzia, che su ogni bottiglia di olio extravergine d'oliva da settembre confermerà al 100% la qualità superlativa del prodotto

Senza segreti l’olio al museo

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Federico Pelizzari

In vista del sig­illo di garanzia, che su ogni bot­tiglia di olio extravergine d’o­li­va da set­tem­bre con­fer­merà al 100% la qual­ità superla­ti­va del prodot­to, per­ché non com­piere una pun­ta­ta al «Muse­um di » a seguire il prezioso ali­men­to attra­ver­so le immag­i­ni del­la lavo­razione? Fa da filo con­dut­tore nel­la gal­le­ria il fran­toio del­l’ar­ti­giana­to rurale cre­ato agli albori del­la tec­nolo­gia indus­tri­ale. Le strut­ture esposte sono qua­si tutte in leg­no, assai pre­giate e rare, a tes­ti­mo­ni­are un sis­tema pro­dut­ti­vo uni­co nel suo genere che, per oltre un mil­len­nio, ha appas­sion­a­to e occu­pa­to le popo­lazioni rurali. Si tro­va a Cisano di Bar­dolino, e le vis­ite sono com­ple­ta­mente gra­tu­ite; gra­dite le scuole. Nel­la car­rel­la­ta, un’an­ti­ca pres­sa a leva, mole in pietra di Baveno, torchi a vite e il fran­toio del XIX sec­o­lo, ricostru­ito in asso­lu­ta fedeltà e anco­ra funzionante.

Parole chiave: