Quella statua rubata era finita a Gardone

Sequestrata una Madonna lignea del ’300

01/12/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo

Nelle ultime ore, i del coman­do provin­ciale di Peru­gia han­no fat­to tap­pa nel Bres­ciano, per recu­per­are un’opera d’arte medievale ruba­ta anni fa e fini­ta in espo­sizione in un museo pri­va­to di Gar­done Riv­iera. Par­liamo di una stat­ua lignea del Tre­cen­to raf­fig­u­rante una Madon­na col Bam­bi­no e trafu­ga­ta 25 anni fa a Cas­tiglion Fos­co, in provin­cia di Perugia.Oltre a recu­per­are l’opera, i mil­i­tari han­no denun­ci­a­to a piede libero per ricettazione, il tito­lare del­la rac­col­ta museale.Si è trat­ta­to di un ritrova­men­to for­tu­ito. La pos­si­bile col­lo­cazione del pez­zo, infat­ti, alto poco più di un metro, era sta­ta seg­nala­ta da una docente di Sto­ria dell’arte dell’ di Peru­gia, la quale ave­va infat­ti nota­to una foto del­la Madon­na lignea su un cat­a­l­o­go del­lo stes­so museo pri­va­to gar­donese. La scop­er­ta si vede alla pro­fes­sores­sa Lau­ra Teza, che l’ha fat­ta con­sul­tan­do una pub­bli­cazione cus­todi­ta da una bib­liote­ca spe­cial­iz­za­ta. Una vol­ta indi­vid­u­a­to il pez­zo lo ha con­fronta­to con una in suo pos­ses­so. E poi si è riv­ol­ta ai cara­binieri del coman­do provin­ciale perugino.La suc­ces­si­va oper­azione dei mil­i­tari è sta­ta rap­i­da, e il seque­stro è avvenu­to su dis­po­sizione del sos­ti­tu­to procu­ra­tore del­la Repub­bli­ca Ser­gio Sot­tani. Nel giro di poche ore la stat­ua è sta­ta ripor­ta­ta a Peru­gia e affi­da­ta affi­da­ta alla Sovrin­ten­den­za ai beni cul­tur­ali. Adesso sarà restau­ra­ta, e poi ver­rà deciso dove col­lo­car­la. «Le con­dizioni dell’opera sono buone — ha com­men­ta­to Francesca Abboz­zo del­la stes­sa Sovrin­ten­den­za umbra — e la stat­ua è ben con­ser­va­ta. Il suo val­ore? È ines­tima­bile». La stes­sa esper­ta ha poi annun­ci­a­to che l’immagine sacra tornerà a Cas­tiglion Fos­co, in un luo­go in gra­do di garan­tirne la sicurez­za. Tornerà insom­ma nel paese da cui era sta­ta trafu­ga­ta nel­la notte tra il 10 e l’11 mar­zo del 1981, quan­do era col­lo­ca­ta nel­la chiesa di San­ta Croce.