In corso una serie di iniziative sui problemi della corretta alimentazione, dell'attività fisica del rispetto per l'ambiente. Domani in programma i temi della salute e della sicurezza sulle strade

«Settimana del benessere» all’Alberghiero

25/04/2007 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

All’Is­ti­tu­to pro­fes­sion­ale alberghiero «Cate­ri­na de’ Medici» 350 stu­den­ti nel­la sede di Gar­done Riv­iera, 430 nel­la sezione stac­ca­ta di Desen­zano) si sta svol­gen­do la «Set­ti­mana del benessere», con una serie di inizia­tive sui temi del­la cor­ret­ta ali­men­tazione e del­l’at­tiv­ità fisi­ca, del rispet­to del­l’am­bi­ente, ecc.Lunedì, ad esem­pio, è sta­to il giorno ded­i­ca­to al ter­ri­to­rio. Le clas­si prime (sala-bar, cuci­na, rice­vi­men­to) sono andate alla scop­er­ta delle frazioni: S. Michele, Tres­ni­co, Colomber. Le sec­onde han­no pun­ta­to su Toscolano Mader­no: , Gaino, Foli­no, Cabi­ana, agri­t­ur­is­mo scud­e­ria Castel­lo. Le terze, invece, all’iso­la S. Bia­gio e alla .Ieri han­no fat­to irruzione la sto­ria locale, gli artisti e le attiv­ità sportive. Il dr. Schlude ha par­la­to di Gar­done mit­teleu­ro­pea e del­l’in­fluen­za degli stranieri sul­lo svilup­po tur­is­ti­co e cul­tur­ale; Fava e Samuel­li delle tradizioni del­la riv­iera; il mae­stro Ghis­la, diret­tore del­la ban­da di Salò, del­l’e­d­u­cazione musi­cale; Anna­maria Bogna e Manuele Ren­ga del lab­o­ra­to­rio teatrale; Angi­oli­no Aime, scul­tore e pres­ti­gia­tore, del­l’arte delle mani; Pedrazzi del cinema.Oggi…riposo. Domani, 26 aprile, ver­rà affronta­to il tema del­la salute. Abbiati illus­tr­erà le inizia­tive del­la Asso­ci­azione alcol­isti anon­i­mi; Dino Comi­ni e Clau­dio Tomasi del­l’; Rober­ta Boni del­l’As­so­ci­azione ital­iana leucemie; Ele­na Sci­oli e Mar­i­an­gela Moscar­di del­l’; Palmieri e Mac­cioni delle tossi­codipen­den­ze e del­la pre­ven­zione; Valenti­na Cap­pelli­ni e Antonel­la Mar­chiori delle emer­gen­ze nelle mis­sioni estere; Rober­to Mer­li, pres­i­dente del­la Asso­ci­azione ital­iana famil­iari vit­time del­la stra­da, degli inci­den­ti. L’e­quipe di med­i­c­i­na del­l’ospedale di Gavar­do (Aimo, Man­geri, Bor­tolot­ti) si sof­fer­merà sul­lo stile di vita e i prob­le­mi car­dio­vas­co­lari; l’or­to­pe­di­co Fil­ip­pi­ni e gli oper­a­tori del pron­to soc­cor­so sul­l’even­to trau­mati­co e su come comportarsi.La gior­na­ta di ven­erdì sarà ded­i­ca­ta alla scop­er­ta del ter­ri­to­rio dal pun­to di vista del­la futu­ra pro­fes­sione. Visi­ta, quin­di, ad alberghi, Apt, can­tine del­la Fran­ci­a­cor­ta, al caseifi­cio Medegh­i­ni, alle , a Vil­la Fenaroli di Rez­za­to (con pran­zo e degus­tazione di vini), alla tor­refazione August di S.Polo. Alcune clas­si effettuer­an­no una escur­sione in bat­tel­lo fino a Riva.Sabato arriver­an­no i rap­p­re­sen­tan­ti delle isti­tuzioni: sin­da­co, , , mari­nai, ecc. Inoltre ver­rà cel­e­bra­to l’an­niver­sario del­la Lib­er­azione con un cor­teo per le vie del cen­tro stori­co. I ragazzi assis­ter­an­no poi a uno spet­ta­co­lo teatrale al Vit­to­ri­ale: «Il sac­chet­to di mele» di Andrea Malpeli, sto­ria di una staffet­ta par­ti­giana, frut­to del lavoro di ricer­ca di tes­ti­mo­ni­anze svolto a Bien­no nel cor­so del­l’edi­zione 2004 di Cru­ci­fixus. Regia di Marzio Manenti.L’iniziativa si sta svol­gen­do anche nel­la sezione stac­ca­ta di Desen­zano, con vis­ite di carat­tere nat­u­ral­is­ti­co (Monte ), eco­logi­co-ambi­en­tale (alla Inde­cast, dove sono smalti­ti i rifiu­ti), cul­tur­ale e stori­co (gite a Tori­no e a Venezia, per far conoscere le ric­chezze del nos­tro paese), pro­fes­sion­ale-tec­ni­co (a un all­e­va­men­to di api).«Il min­is­tero del­la pub­bli­ca istruzione — spie­ga Clau­dio Maz­za­cani, il diri­gente del­l’is­ti­tu­to Cate­ri­na de’ Medici — ha avvi­a­to un per­cor­so for­ma­ti­vo sper­i­men­tale, volto a pro­muo­vere inter­ven­ti educa­tivi final­iz­za­ti al benessere del­lo stu­dente. La comu­ni­cazione è arriva­ta il 20 aprile. Noi ave­va­mo già pro­gram­ma­to un nutri­to cal­en­dario di attiv­ità, nel­l’am­bito del recu­pero orario. Devo ringraziare tut­ti quan­ti han­no col­lab­o­ra­to per una buona riuscita».