In arrivo anche un nuovo impianto e un servizio per collegare la cima con Brentonico e San Valentino

Sfida di nordic walking. Sarà invasione sul Baldo

27/06/2007 in Manifestazioni
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Barbara Bertasi

Tan­ti even­ti e due novità. Una è ded­i­ca­ta agli aman­ti del nordic walk­ing, cam­mi­na­ta in mon­tagna con i bas­tonci­ni; l’altra a chi, al con­trario, non poten­do o non volen­do andare a pie­di, sarà por­ta­to con minibus tra i panora­mi del Baldo.Novita annun­ci­ate sul­la scia di «Griglie roven­ti», il Cam­pi­ona­to inter­nazionale di bar­be­cue, dis­pu­tatosi a Trat­to Spino di Mal­ce­sine nel pri­mo giorno d’estate e che ha dato il via uffi­ciale a una sta­gione che, per la Funi­via Mal­ce­sine-Monte Bal­do, si annun­cia cal­da, tra sport, l’incontro con i con­cor­ren­ti del­la Cop­pa Amer­i­ca, il jazz di Gorni Kramer, il Coro dell’, la mostra «Incon­tro Arte Sport». Dopo la gran «bis­tec­ca­ta» orga­niz­za­ta dal­la Regione, l’ente vene­to, il pri­mo luglio tor­na a col­lab­o­rare con la Funi­via per real­iz­zare l’inedito «Top Walk», pri­ma edi­zione con pre­sup­pos­to di segui­to annuale. E a metà luglio, per l’auspicata inte­grazione tra Bal­do trenti­no e veronese, par­tirà il «Monte Bal­do Express»: quat­tro corse di pic­coli bus, orga­niz­zate dall’Apt di Rovere­to con la Funi­via, tra la stazione a monte con Bren­ton­i­co e San Valentino.Troppa carne al fuo­co per gli ambi­en­tal­isti, per cui la mon­tagna è habi­tat da pro­teggere e conoscere cam­mi­nan­do. Michele Bertuc­co, pres­i­dente regionale di Legam­bi­ente, com­men­ta: «La mon­tagna va gesti­ta e vis­su­ta con la cam­mi­na­ta che per­me­tte il con­tat­to diret­to con la natu­ra. Vale tan­to più per il Bal­do, che dovrebbe essere area pro­tet­ta, la cui valen­za nat­u­ral­is­ti­ca è anco­ra più forte. Questo servizio ci pare un nuo­vo pac­chet­to tur­is­ti­co di mas­sa». Gian­fran­co Bor­to­lus­si, diret­tore del­la Funi­via, rib­at­te: «C’è chi non può cam­minare, come anziani e dis­abili, ma ha lo stes­so dirit­to di godere delle mer­av­iglie del Bal­do. Noi offri­amo ques­ta pos­si­bil­ità». Anco­ra Bertuc­co: «Pos­si­amo pen­sare a modal­ità speci­fiche per chi ha prob­le­mi, ma così trasformi­amo il Bal­do in un’attrazione».Di fat­to, annun­cia il pres­i­dente Giuseppe Ven­turi­ni, c’è dell’altro: «Saran­no costru­iti un nuo­vo impianto quadri­pos­to per 1800 per­sone l’ora e il nuo­vo sis­tema d’innevamento pro­gram­ma­to». Inves­ti­men­to da 4 mil­ioni di euro, che com­ple­ta il com­p­lesso funi­co­lare. La stazione d’accoglienza a monte (il 12 luglio sarà inau­gu­ra­ta anche la sala con­veg­ni mul­ti­me­di­ale) è base per gli even­ti che coin­vol­go­no la funivia.Il pri­mo luglio, col «Top Walk» (che la Regione orga­niz­za con tut­ti gli impianti a fune veneti) gli appas­sion­ati del nordic walk­ing potran­no mis­urar­si a dis­tan­za su tut­ti i per­cor­si balden­si e dolomiti­ci. Non è una gara, ma un’iniziativa di sport, di taglio atleti­co, che per­me­tte di val­utare le pro­prie prestazioni con­frontan­dole con quelle di altri. Scat­ta quest’anno a liv­el­lo sper­i­men­tale, con scon­ti e agevolazioni alle funi­vie. Chi parte­ci­pa deve iscriver­si alla bigli­et­te­ria ( 045 740 02 06) o altre stazioni in rete. Avrà una tessera che, con­va­l­i­da­ta da un com­put­er a monte, trasmet­terà via satel­lite sul suo tele­foni­no chilometri per­cor­si, dif­fi­coltà, tempi.Quindi le quat­tro corse, da metà luglio, del «Monte Bal­do Express». «È un servizio di minibus che dur­erà tut­ta l’estate e pun­ta a col­le­gare l’intero com­pren­so­rio del Bal­do, cioè le due val­late di Mal­ce­sine e Bren­ton­i­co che, una di fronte all’altra, ricadono in due diverse province», dice Ven­turi­ni. Il pri­mo obi­et­ti­vo è ridurre l’inquinamento da veicoli sul­la stra­da Graziani: ogni pul­mi­no por­ta 20 per­sone. Poi si vor­rebbe portare sul Gar­da i vil­leg­gianti di Bren­ton­i­co e del­la val­la­ta trenti­na, oltre a con­sen­tire a chi è a Mal­ce­sine di vis­itare San Valenti­no e Pol­sa. Il bus col­legherà la funi­via alle val­late brente­gane, pas­san­do per Boc­ca di Navene, il Rifu­gio Graziani (ver­sante ori­en­tale), il bor­go trenti­no di San Gia­co­mo e San Valenti­no. Poi, per una comu­nale inter­na, si andrà alla Pol­sa e a Prà Alpesina per tornare alla funi­via. «Ver­sione esti­va di quan­to accade d’inverno tra le piste verone­si e tren­tine del Bal­do».

Parole chiave: