Sproporzionata ordinanza spazza via duecento metri di parcheggi (per un piccolo corteo) e rende caotico il centro La bella iniziativa della Cri «svilita» da multe, rimozioni e rabbia

Sfilano le infermiere? Viabilità in coma

30/09/2002 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Riva del Garda

Sarebbe sta­to bel­lo par­lare solo delle bravis­sime infer­miere volon­tarie del­la Croce Rossa Trenti­na, del­la cel­e­brazione del loro ottan­tes­i­mo anniver­sario, del­la sfi­la­ta per le vie di Riva, del­la medaglia d’Oro che il sin­da­co Mal­ossi­ni, in piaz­za, ha con­seg­na­to alle crocerossine.Sarebbe sta­to bello…Ma purtrop­po, il pri­ma-durante-dopo del­la sfi­la­ta (quin­di due ore buone di ieri pomerig­gio), ha vis­to decine di rivani — e di tur­isti — dimen­ti­car­si di brut­to del­l’inces­sante e sol­i­dale opera delle infer­miere volon­tarie (i cui mer­i­ti per for­tu­na restano tali) e dedi­car­si invece ad un fuo­co di fila di invet­tive nei con­fron­ti del­la mente sub­lime che dal Munici­pio di Riva ha par­tori­to l’or­di­nan­za di sgombero delle auto in sos­ta su viale Roma (dal­l’asi­lo ver­so sud) e su viale Dante (dal­l’in­cro­cio alla far­ma­cia). Un’or­di­nan­za davvero assur­da, che solo una let­tura «bonar­ia» dei vig­ili urbani (han­no chiu­so un occhio su un lato delle due strade las­cian­do le mac­chine in sos­ta impune­mente; han­no pro­ce­du­to a «tre rimozioni» e sette-otto multe solo in zona Cesari­ni) ha lim­i­ta­to nei dan­ni e nel­la brut­ta figu­ra. Ad essere pig­no­li i vig­ili — sot­to gli occhi increduli di centi­na­ia di rivani — avreb­bero dovu­to sgomber­are un fronte di parcheg­gi di oltre due­cen­to metri. E per­chè? Per far pas­sare un cor­teo — trenta , cinquan­ta infer­miere, ven­ti autorità politiche/d’arma/religiose — che già era pas­sato bel­la­mente in stret­toie ben più intasate di quelle che il Comune gradi­va «tab­u­la rasa».Come si fa, in una domeni­ca affol­latis­si­ma di set­tem­bre, a can­cel­lare un centi­naio di posti auto dal cen­tro di Riva per un cor­teo di mod­es­tis­sime pro­porzioni? Incred­i­bile, ma è suc­ces­so: è come se…per far sfol­lare San Siro dis­ci­plinata­mente, dopo il der­by del­la Madon­ni­na, si vietasse la sos­ta delle auto in tutte le strade del­la Lombardia.Non è una ques­tione di multe e di rimozioni (se ci sono i divi­eti si deve obbe­dire, anche se sono assur­di: quin­di chi c’è cas­ca­to se l’è com­pra­to). Il noc­ci­o­lo è che un Comune serio non può «creare», per dis­in­for­mazione di quel­lo che esso stes­so sta orga­niz­zan­do, una domeni­ca di dis­a­gio per la gente e di caos per la . Le brave infer­miere, i bravi alpi­ni e le brave autorità sareb­bero state feli­ci di fare il cor­teo anche sui marciapiedi.

Parole chiave: -