A Sirmione e Lonato. A Punta Grò si lavavano in spiaggia fra i bagnanti

Sgomberati altri zingari nel basso lago

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Lago di Garda

Noma­di pro­tag­o­nisti di due episo­di avvenu­ti a Sirmione e a Lona­to. Nel­la cit­tad­i­na scalig­era alcu­ni zin­gari sono sta­ti sor­pre­si da alcu­ni bag­nan­ti men­tre si lava­vano nel lago. A Lona­to, invece, le loro roulotte sono state rimorchi­ate di forza dai e por­tate via: gli occu­pan­ti, rimasti a pie­di per­chè si sono opposti allo sgombero, si sono poi allon­ta­nati. Il pri­mo episo­dio, si dice­va, è avvenu­to sul­la spi­agget­ta davan­ti al res­i­dence «Tigli» di Pun­ta Grò a Lugana. Attorno alle 5 del pomerig­gio una sig­no­ra di Poz­zolen­go, che sta­va pren­den­do il sole assieme a un grup­po di amiche, ha vis­to alcu­ni gio­vani noma­di semi­nu­di lavar­si nel­l’ac­qua del lago. Un bag­no in piena rego­la, come avveni­va mez­zo sec­o­lo fa. Sono sta­ti chia­mati i cara­binieri del Nucleo radiomo­bile i quali, a loro vol­ta, han­no aller­ta­to anche i Vig­ili urbani. I noma­di sono sta­ti allon­ta­nati e dif­fi­dati. Non sarebbe la pri­ma vol­ta che accadono episo­di sim­ili, con grup­pet­ti di noma­di che dis­tur­bano altri bag­nan­ti con le loro intem­per­anze o com­por­ta­men­ti. Quan­to a Lona­to, è vigente un’or­di­nan­za fir­ma­ta nel giug­no 1997 dal­l’al­lo­ra asses­sore Rober­to Biza, del­la Giun­ta leghista Man­to­vani, con la quale viene fat­to divi­eto a tut­ti i camper, roulotte, carovane di sostare nel­l’in­tero ter­ri­to­rio del­la cit­tad­i­na. Dunque, uno stop a tut­to cam­po, che non riguar­da solo gli zin­gari. Comunque, l’al­tro giorno i cara­binieri del­la stazione lonatese sono dovu­ti inter­venire per allon­tanare alcune famiglie di noma­di. Una di queste, però, ha fat­to la voce grossa, rifi­u­tan­dosi di sgomber­are la casa su ruote. I mil­i­tari han­no dovu­to quin­di far inter­venire un car­ro attrezzi, per rimuo­vere forzata­mente due camper, men­tre i loro occu­pan­ti si sono rifi­u­tati di accogliere l’or­dine e sono rimasti a ter­ra. Il prob­le­ma dei noma­di a Lona­to negli ulti­mi mesi è piut­tosto grave: qua­si ogni giorno i cara­binieri sono costret­ti ad eseguire sfrat­ti a dan­no di zin­gari che si inse­di­ano abu­si­va­mente su ter­reni alla per­ife­ria del­la cit­tad­i­na. Ci sono le leg­gi e le norme igien­i­co-san­i­tarie da far rispettare. A Lona­to non esistono aree attrez­zate dove i noma­di pos­sono sostare tem­po­ranea­mente. Ma gli inse­di­a­men­ti si ripetono lo stes­so. Anzi, alcu­ni zin­gari han­no aggi­ra­to l’ostacolo acqui­s­tan­do dei reli­quati stradali e sis­te­man­dosi a pieno tito­lo, aggiun­gen­do così prob­le­mi a problemi.

Parole chiave: