Entro marzo il progetto esecutivo della strada che collegherà la A4 con l’aeroporto, passando per un nuovo casello in A21. Il Cipe approva la «corda molle», che verrà realizzata da Centro Padane

Sì alla Ospitaletto-Montichiari

26/11/2005 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Botta

Il rac­cor­do tra i casel­li di Ospi­talet­to e l’aeroporto di Mon­tichiari si farà. La Gazzetta Uffi­ciale ha pub­bli­ca­to l’ap­provazione da parte del Cipe (acron­i­mo di Comi­ta­to inter­min­is­te­ri­ale per pro­gram­mazione eco­nom­i­ca) del­la cosid­det­ta «cor­da molle». «L’o­bi­et­ti­vo di arrivare ad una rete stradale con­nes­sa sen­za pas­sare nei cen­tri abi­tati si sta avveran­do — ha osser­va­to , asses­sore provin­ciale ai Lavori pub­bli­ci, dan­do la notizia dell’approvazione dell’opera -. Il risul­ta­to ottenu­to è sig­ni­fica­ti­vo: ques­ta arte­ria porterà ad una rad­i­cale svol­ta nei sis­te­mi di col­lega­men­to autostradali, del­la ordi­nar­ia, por­tan­do i pro­pri ben­efi­ci effet­ti anche sul traf­fi­co inter­no dei Comu­ni del­l’hin­ter­land cit­tadi­no». Anche se pende, come una spa­da di Damo­cle, il ricor­so alla Com­mis­sione euro­pea dei comi­tati ambi­en­tal­isti riguar­do l’af­fi­da­men­to diret­to del­l’­opera alla soci­età Cen­tro Padane, l’asses­sore man­i­fes­ta un cer­to ottimis­mo. «Il Gov­er­no sta cer­can­do un accor­do con Brux­elles — spie­ga anco­ra Paroli­ni -. Inoltre, l’opera sarà ese­gui­ta con l’in­dizione di una gara euro­pea, sen­za con­tare che la sca­den­za ges­tionale del­la con­ces­sione autostrale del­la A21 sarà ormai vic­i­na (il 2012), quan­do i lavori si con­clud­er­an­no (2009/2010)». Il rac­cor­do sarà real­iz­za­to da Cen­tro Padane per un impor­to com­p­lessi­vo di 296 mil­ioni di euro di cui 37 mil­ioni a cari­co del­la , ricor­dan­do che la lin­ea fer­roviaria gli cor­rerà, per un buon trat­to, par­al­lela. Indi­cati dal pres­i­dente Alber­to Cav­al­li i tem­pi tec­ni­ci. «Entro mar­zo — ha spie­ga­to il pres­i­dente del­la Provin­cia — sarà pron­to il prog­et­to esec­u­ti­vo e, dopo la ver­i­fi­ca degli organi com­pe­ten­ti, potran­no iniziare i lavori. Tut­tavia la Provin­cia con­sid­era pri­or­i­taria la real­iz­zazione tra giug­no e luglio 2006 del casel­lo autostradale sui ter­ri­tori tra Pon­car­ale e Mon­tirone (cos­to 15 mil­ioni di euro) sul­la A21. In segui­to l’opera sarà ese­gui­ta a stral­ci (sono pre­visti 4 lot­ti). L’in­fra­strut­tura avrà una lunghez­za di 31 chilometri a due cor­sie per ogni sen­so di mar­cia più quel­la di emer­gen­za e con­sen­tirà di bypas­sare diverse strade provin­ciali (Orceana 235, Quin­zanese, Garde­sana e altre anco­ra) con­net­ten­dosi con esse, oltre a real­iz­zare inter­ven­ti di riqual­i­fi­cazione con svin­coli e di mit­igazione del­l’im­pat­to ambi­en­tale». «Con la Sp 668 (Lenese) — gli ha fat­to eco Paroli­ni — è l’in­fra­strut­tura che mod­i­ficherà sostanzial­mente la via­bil­ità. I per­cor­si est/ovest, nord/sud devono oggi pas­sare per la cit­tà, men­tre in un prossi­mo futuro, il traf­fi­co prove­niente dalle quat­tro direzioni con­fluirà su ques­ta stra­da». La con­seguen­za? «I pae­si miglior­eran­no la qual­ità del­la vita e saran­no soll­e­vati dal traf­fi­co di pas­sag­gio». L’in­ter­ven­to prevede il rad­doppio del­la car­reg­gia­ta del­l’at­tuale trat­to da Ospi­talet­to alla Sp IX (Quin­zanese) men­tre la restante parte fino all’aero­por­to di Mon­tichiari sarà nuo­va di zec­ca. Cav­al­li e Paroli­ni han­no ringrazi­a­to pub­bli­ca­mente l’im­peg­no di Cen­tro Padane (la Provin­cia possiede il 20 per cen­to del cap­i­tale) a com­in­cia­re da Augus­to Gal­li (pres­i­dente), Lui­gi Piat­ti e Arturo Medegh­i­ni (mem­bri del Comi­ta­to esec­u­ti­vo), Domeni­co Sol­fri­ni e Giu­liana Pezzi Zac­co (rap­p­re­sen­tan­ti bres­ciani nel Con­siglio d’Amministrazione).

Parole chiave: -