Tutti d'accordo sul progetto Gentilini da Monte Oro a Ceole

Sì definitivo alla circonvallazione

19/10/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

La sec­on­da e defin­i­ti­va con­feren­za di servizio con­vo­ca­ta nel pomerig­gio di ieri in provin­cia dal­l’asses­sore Casagran­da, ha espres­so all’u­na­nim­ità un parare favorev­ole al prog­et­to di cir­con­va­l­lazione ovest di Riva, redat­to dal­lo stu­dio Gen­tili­ni e pre­sen­ta­to a metà set­tem­bre in cit­tà. Con ques­ta approvazione la fase buro­crat­i­ca è chiusa ed ora si pas­sa all’esecuzione.Scontata la sod­dis­fazione del vice Pietro Mat­teot­ti che è sal­i­to a Tren­to a seguire i lavori del­la con­feren­za: ci sarebbe anda­to anche il sin­da­co Mal­ossi­ni, data l’im­por­tan­za del prog­et­to in dis­cus­sione, se non avesse dovu­to porg­ere al min­istro Bersani ed agli altri parte­ci­pan­ti alla con­feren­za nazionale sul traf­fi­co, il salu­to di Riva. La con­feren­za di servizio vede riu­ni­ti intorno allo stes­so tavo­lo i rap­p­re­sen­tan­ti di tut­ti i servizi provin­ciali chia­mati ad esprimer­si, con pareri vin­colan­ti, sui prog­et­ti in esame: , urban­is­ti­ca, tutela ambi­en­tale, baci­ni mon­tani, anti­in­cen­dio, geo­logi­co e comi­ta­to tec­ni­co. Tut­ti questi tec­ni­ci han­no pre­so in visione il prog­et­to ai pri­mi di set­tem­bre e poi si sono dati appun­ta­men­to al pomerig­gio di ieri, dopo che cias­cuno per pro­prio con­to ave­va avu­to la pos­si­bil­ità di esam­inare ed appro­fondire gli aspet­ti del­l’­opera. Il fat­to che siano sta­ti tut­ti d’ac­cor­do nel licen­ziare il prog­et­to defin­i­ti­vo del­lo stu­dio Gen­tili­ni, è di un’im­por­tan­za fon­da­men­tale. Infat­ti il nuo­vo trac­cia­to non tro­va cor­rispon­den­za in alcuno degli stru­men­ti urban­is­ti­ci vigen­ti, nè a liv­el­lo comu­nale e com­pren­so­ri­ale, nè a liv­el­lo provin­ciale. Però l’u­na­nim­ità con­sente di evitare il ricor­so alla dero­ga, in quan­to il ben­estare di tut­ti, nes­suno esclu­so, rap­p­re­sen­ta la con­dizione per la con­ces­sione del­la dero­ga stes­sa. E così il trac­cia­to del prog­et­to Gen­tili­ni viene rical­ca­to metro per metro sia nel prg di Riva (che la provin­cia sta esam­i­nan­do, ed al quale potrà apportare la mod­i­fi­ca) sia nel­la vari­ante al Pup che la giun­ta Del­lai con­ta di licen­ziare nel­la prossi­ma pri­mav­era. La scalet­ta dei tem­pi prevede ora che Gen­tili­ni appor­ti quei min­i­mali ritoc­chi, inin­flu­en­ti sul risul­ta­to gen­erale, pre­scrit­ti dai sin­goli servizi. Con­tem­po­ranea­mente i pro­pri­etari dei ter­reni inter­es­sati agli espro­pri ricev­er­an­no la comu­ni­cazione uffi­ciale del­l’e­sisten­za del prog­et­to e del­la loro pos­si­bil­ità di spedire osser­vazioni e richi­este. La pro­ce­du­ra degli espro­pri vera e pro­pria, sal­vo oppo­sizioni di par­ti­co­lare spes­sore, potrà met­ter­si in moto conc­re­ta­mente nei pri­mi mesi del 2001. Res­ta da definire il giorno in cui potran­no com­in­cia­re a scor­rere i 25 mesi che, nel­la relazione al prog­et­to defin­i­ti­vo, l’ingeg­n­er Gen­tili­ni ha indi­ca­to come ter­mine appro­pri­a­to per finire l’opera e con­seg­narla agli auto­mo­bilisti del­la Busa. E’ cer­to che la cir­con­va­l­lazione Ovest oprmai ha imboc­ca­to la dirit­tura finale: ci sono i sol­di, c’è il prog­et­to, le carte da oggi sono tutte a pos­to. Il nuo­vo nas­tro d’as­fal­to, 3 chilometri da monte Oro a san­t’An­drea, a questo pun­to è sicuro.