Prendono il via le attività promosse dal gruppo di ricerca storica Asar. Le indagini saranno svolte da studenti e guidate da Gian Pietro Brogiolo

Si scava tra chiese e siti archeologici

03/07/2004 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Bruno Festa

L’Asar (Asso­ci­azione Stori­co Arche­o­log­i­ca del­la Riv­iera), un sodal­izio che rac­coglie ade­sioni su tut­to l’al­to lago, ha diram­a­to attra­ver­so il suo pres­i­dente — la ricer­ca­trice Mon­i­ca Ibsen — il cal­en­dario delle attiv­ità dei prossi­mi mesi. Attiv­ità che si svilup­per­an­no anche e soprat­tut­to sul ter­reno con­cre­to rap­p­re­sen­ta­to dalle indagi­ni arche­o­logiche sul­l’al­to Gar­da, gui­date dal pro­fes­sor Gian Pietro Bro­gi­o­lo. Il 3 luglio avrà inizio lo sca­vo inte­grale del­la chiesa di San Pietro in Olive­to a Limone. I lavori dur­eran­no quat­tro set­ti­mane e vedran­no coin­volti dieci stu­den­ti prove­ni­en­ti dal­l’ di Pado­va. Dal 2 al 14 agos­to, invece, un altro grup­po di stu­den­ti, sem­pre prove­nien­tei dal­l’U­ni­ver­sità di Pado­va, scav­erà all’ester­no del­la chiesa di San Michele di Tremo­sine. Il 5 set­tem­bre ripren­der­an­no anche i lavori nel­la , a Toscolano, con il com­ple­ta­men­to del­lo sca­vo in local­ità Gat­to e con il cen­si­men­to degli edi­fi­ci. Come già è avvenu­to lo scor­so anno in San Pietro a Tig­nale, per le fasi iniziali del­lo sca­vo di San Pietro a Limone l’ASAR ritiene preziosa la col­lab­o­razione dei soci ai quali è sta­to chiesto di dare la pro­pria disponi­bil­ità. A tale propos­i­to è pos­si­bile con­tattare il seg­re­tario Gian­fran­co Lig­asac­chi al numero tele­fon­i­co 0365–643435. Per tut­ta la dura­ta del­lo sca­vo saran­no orga­niz­zate per i soci delle ai tesori delle chiese di San Pietro e di San Michele. Altra inizia­ti­va di rilie­vo è anche quel­la mira­ta ad un’at­tiv­ità da svol­gere nelle scuole. Per questo moti­vo, in queste set­ti­mane si sta met­ten­do a pun­to un prog­et­to in col­lab­o­razione con la L.A.CU.S. per pro­muo­vere una pro­pos­ta didat­ti­ca ed una serie di con­feren­ze. Infine, per il mese di otto­bre, è pre­vista un’uscita in visi­ta alle chiese altome­dievali e romaniche del­la spon­da veronese del lago di Garda.