Tra meno di un mese, la 52ª edizione della Fiera di Lonato del Garda 2010 in programma dal 15 al 17 gennaio. Tra le tante novità: Gran galà del venerdì sera con i cabarettisti di Zelig e apertura gratuita al pubblico della Casa del podestà, con la Rocca e il Museo civico-ornitologico (nel week-end)

Sia avvicina la grande fiera: pronto il cartellone 2010

24/12/2009 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

 Il comi­ta­to orga­niz­za­tore, pre­siedu­to dall’assessore lonatese al Com­mer­cio Valenti­no Leonar­di, e i numerosi volon­tari impeg­nati nell’evento, con­tin­u­ano al lavo­rare per alle­stire e per­fezionare la man­i­fes­tazione che dal 15 al 17 gen­naio 2010 ani­merà l’intera cit­tà di Lona­to del Gar­da.  Come sem­pre, centi­na­ia di ospi­ti sono atte­si e assai ric­co è il pro­gram­ma di appun­ta­men­ti spalmati su tut­to il week-end. Quel­la di Lona­to del Gar­da non è più solo una fiera lega­ta al mon­do agri­co­lo: è ormai una “vet­ri­na” anche arti­gianale e com­mer­ciale, con even­ti cul­tur­ali, gas­tro­nomi­ci, sportivi e ricre­ativi. Insom­ma una tre-giorni riv­ol­ta pro­prio a tut­ti: appas­sion­ati e addet­ti ai vari set­tori, gio­vani, famiglie e anziani, riu­ni­ti nel­lo spir­i­to del­la tradizione lonatese.   Come di con­sue­to sarà il Gran Galà del ven­erdì sera a scal­dare l’atmosfera del­la fiera, nel­la cor­nice fash­ion del Dehor (ex Genux), il 15 gen­naio dalle ore 21. «Questo even­to – riferisce l’assessore Leonar­di – è nato quan­do ho com­in­ci­a­to a seguire la fiera e a impeg­n­ar­mi nel riqual­i­fi­care la ker­messe. Il comi­ta­to fieris­ti­co e i vari col­lab­o­ra­tori, insieme a me, han­no sem­pre cer­ca­to, attra­ver­so questo Galà, di creare un momen­to di val­oriz­zazione anche com­mer­ciale. E ci siamo rius­ci­ti: il ven­erdì sera ha sem­pre reg­is­tra­to il tut­to esauri­to». Quest’anno, con i ven­ti del­la crisi, si è deciso di apportare qualche vari­azione al “palinses­to”, con ospi­ti cabaret­tisti e asso­ci­azioni lonate­si: «In un peri­o­do di dif­fi­coltà eco­nom­i­ca – spie­ga il pres­i­dente del comi­ta­to – dove­va­mo mod­i­fi­care la ser­a­ta, ma non vol­e­va­mo togliere ai nos­tri com­mer­cianti la pos­si­bil­ità di pro­muo­vere il loro mar­chio e i loro prodot­ti attra­ver­so ques­ta pres­ti­giosa “vet­ri­na”. Per­tan­to, la con­sue­ta sfi­la­ta si farà à metà feb­braio, quan­do sarà più facile avere a dis­po­sizione la nuo­va cam­pi­onatu­ra e le collezioni del­la pri­mav­era 2010. Nel Gran Galà del 15 gen­naio, invece, si altern­er­an­no spet­ta­coli di cabaret con due comi­ci di Zelig e momen­ti di intrat­ten­i­men­to con vari ospi­ti, grup­pi e asso­ci­azioni lonate­si. Mar­co Coro­na pre­sen­terà l’evento».  Per la pri­ma vol­ta, durante la fiera, la Casa del podestà, la Roc­ca vis­con­teo-vene­ta e il Museo civi­co-orni­to­logi­co saran­no aperte gra­tuita­mente nel fine set­ti­mana, il 16 e 17 gen­naio, orario: 10.00–12.00 e 14.30–18.30. È un rega­lo per i lonate­si e per tut­ti gli ospi­ti del­la man­i­fes­tazione, è resa pos­si­bile gra­zie alla col­lab­o­razione tra l’Assessorato al Com­mer­cio guida­to da Valenti­no Leonar­di e la diret­ta dal dott. Anto­nio Benedet­to Spa­da.  Inoltre, saba­to 16 e domeni­ca 17 alle 15.30, par­tendo dal puto infor­mazioni del­la Pro Loco in piaz­za Mar­tiri del­la lib­ertà, sarà pos­si­bile vis­itare i prin­ci­pali mon­u­men­ti del pat­ri­mo­nio lonatese. Il “per­cor­so dell’arte di Lona­to del Gar­da” è gra­tu­ito e pro­mosso dal­la Pro Loco, insieme all’associazione Pola­da e la Fon­dazione Ugo da Como.  Per tut­ta la domeni­ca, la Roc­ca ospiterà degus­tazioni a tema pro­poste dal­la Stra­da dei vini e dei sapori del Gar­da. Tra i tan­ti appun­ta­men­ti, saba­to sarà la vol­ta del­la spas­sosa “cuccagna”, men­tre domeni­ca si svol­ger­an­no anche le gare gas­tro­nomiche del miglior salame e del chisöl. Poi, di nuo­vo diver­ti­men­to in piaz­za: dalle 15.30, i rap­p­re­sen­tan­ti delle frazioni lonate­si si sfider­an­no nel Palio delle frazioni (orga­niz­za­to dagli Ami­ci di San’Antonio), tra giochi popo­lari e abiti d’epoca, alla con­quista del gon­falone di Sant’Antonio.  Per ono­rare la tradizione, saba­to pomerig­gio si ter­rà la benedi­zione dei trat­tori (alle 18, pres­so l’area Seri­na) e domeni­ca quel­la dagli ani­mali (alle 14.30, sul sagra­to del­la Chiesa di S. Anto­nio Abate).    Per il tra­guar­do del­la 52ª fiera, con­clude il pres­i­dente del comi­ta­to orga­niz­za­tore e asses­sore al Com­mer­cio Valenti­no Leonar­di, che da cinque anni segue la ker­messe: «Ringrazio tut­ta l’Amministrazione attuale e anche le prece­den­ti, il comi­ta­to fiera e i numerosi volon­tari che con me stan­no lavo­ran­do da mesi, nonché i col­lab­o­ra­tori delle pas­sate edi­zioni, che han­no sem­pre cre­du­to nel val­ore e nell’importanza del­la Fiera regionale di Sant’Antonio. Un sen­ti­to e mer­i­ta­to “gra­zie” va anche alla Pro Loco, alle forze dell’ordine, ai volon­tari delle frazioni e agli espos­i­tori e spon­sor, a quan­ti mi han­no pre­ce­du­to e a tut­ti col­oro che, in modo diver­so, mi sup­por­t­ano nell’organizzazione. Il mio deside­rio, che spero si real­izzi al meglio, è di pot­er dare ai lonate­si un even­to sem­pre all’altezza dei ricor­di e delle aspet­ta­tive, e ai nos­tri ospi­ti la pos­si­bil­ità di apprez­zare anco­ra di più Lona­to del Gar­da e il suo staff fieris­ti­co».   

Parole chiave: