S’inaugura alle Braile il nuovo asilo nido tutto di legno

07/11/2013 in Attualità
Di Luigi Del Pozzo

Con­clu­so in set­tem­bre e aper­to gius­to in tem­po per l’avvio del nuo­vo anno educa­ti­vo, il nuo­vo asi­lo nido alle Braile – che ospi­ta 66 bam­bi­ni fra tre mesi e tre anni d’età, accu­d­i­ti da 19 tra edu­ca­tori e addet­ti alle fun­zioni ausil­iari – si apre alla cit­tà con una grande fes­ta d’in­au­gu­razione aper­ta a tut­ti, che si svolge saba­to 9 novem­bre a par­tire dalle ore 9.30.

L’ed­i­fi­cio, ad un piano uni­co di cir­ca 960 metri qua­drati, è sta­to prog­et­ta­to dagli architet­ti Gino ed Emil­iana Pisoni e si carat­ter­iz­za per una scelta forte: l’u­ti­liz­zo «inte­grale» del leg­no. Di leg­no, infat­ti, sono sia la strut­tura por­tante, in pareti di leg­no mas­s­ic­cio mul­ti­stra­to, sia tutte le pareti, anch’esse real­iz­zate in mul­ti­stra­to. Le pareti sono rifi­nite all’in­ter­no con una sec­on­da parete in car­tonges­so, all’ester­no con uno stra­to intonaca­to. In leg­no (nat­u­ral­mente) anche il tet­to. Solo il bloc­co dei servizi gen­er­ali è in muratu­ra tradizionale. Il cos­to del­l’­opera è sta­to di 2 mil­ioni e 165 mila euro.

«Un par­ti­co­lare ringrazi­a­men­to va alle dipen­den­ti del nido – dice l’assessore Mas­si­m­il­iano Flo­ri­ani – per aver por­ta­to a ter­mine in tem­pi bre­vi il non sem­plice traslo­co, e all’Uf­fi­cio politiche sociali del Comune per aver coor­di­na­to la nuo­va aper­tu­ra. Gra­zie anche all’Ufficio tec­ni­co comu­nale per essere rius­ci­to, insieme alla dit­ta costrut­trice, a con­seg­nare l’opera ter­mi­na­ta e agi­bile in tem­po per l’inizio del­l’an­no educa­ti­vo. E il mio invi­to è a tut­ta la cit­tad­i­nan­za, per­ché parte­cipi all’in­au­gu­razione e veda da vici­no un servizio del quale tut­ti noi Arcensi pos­si­amo e dob­bi­amo essere orgogliosi».

Arco Nido Braile aerea