.

Sirmione: è del Comune l’idea di creare piazza Callas

26/09/2002 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Sirmione

L’idea di inti­to­lare il palaz­zo civi­co di piaz­za Car­duc­ci, a Sirmione, a è sta­ta del Comune. «E’ nos­tra l’idea di chia­mar­lo con il nome del­la grande artista che qui ha sog­gior­na­to, cre­do fos­se un dovere: quin­di di nes­sun altro». La pre­cisazione è del sin­da­co Mau­r­izio Fer­rari, che pre­an­nun­cia anche l’in­au­gu­razione del­l’ex sede munic­i­pale a metà otto­bre, in cui tro­verà pos­to la nuo­va aula con­sil­iare. E pro­prio al grande sopra­no, come rifer­i­to nel­l’edi­zione di ieri, ver­rà ded­i­ca­ta nel prossi­mo aprile una grandiosa mostra la cui idea, anche in questo caso, è sta­ta del Comune, men­tre con­sulente sarà il pro­fes­sor Michele Nocera. Intan­to lo stes­so Nocera è sta­to ospite l’al­tro pomerig­gio di una pun­ta­ta reg­is­tra­ta del­la nuo­va edi­zione del «Mau­r­izio Costan­zo show», dove ha sve­la­to il con­tenu­to di alcune let­tere inedite scritte da Maria Callas, venute in suo pos­ses­so. Durante la trasmis­sione, che andrà in onda nelle prossime sere su Canale 5, il criti­co sirmionese ha inoltre par­la­to del mat­ri­mo­nio con Gian Bat­tista Menegh­i­ni, sof­fer­man­dosi sul­la sua figu­ra. Da Roma a Pari­gi. Nocera era tra gli invi­tati alla pri­ma di «Callas for­ev­er», pel­li­co­la real­iz­za­ta da Fran­co Zef­firelli, dove ha potu­to incon­trar­si sia con il reg­ista sia con gli altri crit­i­ci pre­sen­ti alla ser­a­ta, rac­coglien­do ulte­ri­ori tes­ti­mo­ni­anze sul­la figu­ra artis­ti­ca del­la «div­ina».